In cosa consiste la sindrome metabolica - Doctorium
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Home / Blog / In cosa consiste la sindrome metabolica

In cosa consiste la sindrome metabolica

Nel nostro articolo tratteremo la Sindrome metabolica, vedremo nel dettaglio cos’è e cosa si può fare per curarla e prevenirla.

Cosa significa il termine “Sindrome metabolica”

Il termine “Sindrome metabolica” si riferisce al malfunzionamento dei processi metabolici che sono deputati al corretto utilizzo delle sostanze nutritive nel nostro corpo. In particolare per sindrome metabolica si intende una particolare condizione patologica che espone maggiormente a sviluppare eventi cerebrovascolari o cardiovascolari come l’ictus oppure l’infarto.

Parla con un nostro specialista
Specialista in: Diabetologia - 23 anni di esperienza - 30 min. 75.00 € 

Si presenta con obesità oppure sovrappeso, ipertensione arteriosa, diabete, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia e resistenza all’insulina. La sindrome metabolica è riconosciuta anche con altri nomi come per esempio sindrome X, sindrome da insulino-resistenza e sindrome dismetabolica.

Quindi chi è affetto dalla sindrome metabolica presenta:

  • Glicemia alta;
  • Pressione arteriosa elevata (maggiore di 130/85 oppure in terapia farmacologica);
  • Trigliceridi alti (maggiori a 150 o in terapia) e colesterolo cattivo alti;
  • Colesterolo buono (HDL) basso;
  • Obesità o sovrappeso con accumulo di grasso a livello addominale anche definito a mela (valori di circonferenza vita negli uomini maggiore a 102 cm e nelle donne maggiore a 88 cm) .

In Italia questi criteri sono definiti ATP III e sono relativi alle linee guida americane dell’American Heart Association e del National Heart.

Cosa fare per prevenire e curare la sindrome metabolica

Al fine di migliorare, prevenire ed eventualmente curare la sindrome metabolica abbiamo diverse opzioni. In alcuni casi specifici si può fare ricorso alla terapia farmacologica finalizzata alla cura della dislipidemia, diabete ed ipertensione. Rimane comunque sempre molto importante associare un cambiamento di stile di vita. Si raccomanda pertanto di:

  • Svolgere tutti i giorni 30/60 minuti di attività fisica al giorno di tipo intensa/moderata;
  • Mangiare sano ovvero evitare tutti i cibi grassi e aumentare il consumo di frutta e verdura, cereali e pesce azzurro;
  • Perdere peso;
  • Smettere di fumare.
Parla con un nostro specialista
Specialista in: Diabetologia - 23 anni di esperienza - 30 min. 75.00 € 

In particolare un ruolo fondamentale è svolto da una corretta alimentazione. Diversi studi infatti hanno dimostrato che mangiare sano e perdere peso vanno a ridurre notevolmente il rischio cardiovascolare e favoriscono l’abbassamento dei valori di pressione arteriosa, dei trigliceridi e del colesterolo oltre ovviamente a migliorare la sensibilità dei tessuti all’insulina.

Fonti:
  • Grundy SM, Hansen B, Smith SC, Jr, et al. American Heart Association, National Heart, Lung, and Blood Institute, American Diabetes Association. Clinical management of metabolic syndrome: report of the American Heart Association/National Heart, Lung, and Blood Institute/American Diabetes Association conference on scientific issues related to management. Arterioscler Thromb Vasc Biol 2004; 24(2): e19–e24.
  • Beltrán-Sánchez H, Harhay MO, Harhay MM, et al. Prevalence and trends of metabolic syndrome in the adult U.S. population, 1999–2010. J Am Coll Cardiol 2013; 62(8): 697–703.
  • Ford ES, Giles WH, Dietz WH. Prevalence of the metabolic syndrome among US adults: findings from the third National Health and Nutrition Examination Survey. JAMA 2002; 287(3): 356–359.
  • Grundy SM. Metabolic syndrome pandemic. Arterioscler Thromb Vasc Biol 2008; 28(4): 629–636.
  • Miller JM, Kaylor MB, Johannsson M, et al. Prevalence of metabolic syndrome and individual criterion in US adolescents: 2001–2010 National Health and Nutrition Examination Survey. Metab Syndr Relat Disord 2014; 12(10): 527–532.
  • Matsuzawa Y, Funahashi T, Nakamura T. The concept of metabolic syndrome: contribution of visceral fat accumulation and its molecular mechanism. J Atheroscler Thromb 2011; 18(8): 629–639.
  • Boden G, Shulman GI. Free fatty acids in obesity and type 2 diabetes: defining their role in the development of insulin resistance and beta-cell dysfunction. Eur J Clin Invest 2002; 32(Suppl. 3): 14–23.
  • Tooke JE, Hannemann MM. Adverse endothelial function and the insulin resistance syndrome. J Intern Med 2000; 247(4): 425–431.
  • Tripathy D, Mohanty P, Dhindsa S, et al. Elevation of free fatty acids induces inflammation and impairs vascular reactivity in healthy subjects. Diabetes 2003; 52(12): 2882–2887.
  • Juhan-Vague I, Alessi MC, Mavri A, et al. Plasminogen activator inhibitor-1, inflammation, obesity, insulin resistance and vascular risk. J Thromb Haemost 2003; 1(7): 1575–1579.
  • Lewis GF, Steiner G. Acute effects of insulin in the control of VLDL production in humans. Implications for the insulin-resistant state. Diabetes Care 1996; 19(4): 390–393.
  • Wallace AM, McMahon AD, Packard CJ, et al. ; on behalf of the WOSCOPS Executive Committee. Plasma leptin and the risk of cardiovascular disease in the west of Scotland coronary prevention study (WOSCOPS). Circulation 2001; 104(25): 3052–3056.
  • Lindsay RS, Funahashi T, Hanson RL, et al. Adiponectin and development of type 2 diabetes in the Pima Indian population. Lancet 2002; 360(9326): 57–58.
Nota: Il contenuto del presente articolo non è inteso né raccomandato come sostituto di consigli, diagnosi o trattamenti medici. Pertanto è sempre necessario chiedere il parere di un medico in merito a qualsiasi domanda, condizione clinica, trattamento o argomento trattato nel presente documento. Doctorium non si assume nessuna responsabilità sull'utilizzo autonomo delle informazioni indicate.

Articoli correlati

Fai conoscere l'articolo ai tuoi amici

0 Condivisioni
Elemento aggiunto al carrello.
0 items -

Chiedi un video consulto.

doctorium_logo.png

Scrivi i tuoi dati e penseremo a tutto noi

× Servizio Clienti