Quali sono i sintomi dell’infarto e come riconoscerli - Doctorium
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Home / Blog / Quali sono i sintomi dell’infarto e come riconoscerli

Quali sono i sintomi dell’infarto e come riconoscerli

Una delle patologie cardiovascolari più grave e pericolosa è senza dubbio l’infarto cardiaco o infarto del miocardio.

Potrebbe essere letale se non si riconoscono i sintomi in tempo e se non si agisce tempestivamente. Riconoscere un infarto partendo dai sintomi è quindi di fondamentale importanza, nel nostro articolo vedremo in dettaglio quali sono i sintomi e i segni che devono far sospettare un infarto del miocardio.

Che cos’è l’infarto cardiaco

Per infarto si intende la necrosi ovvero la morte delle cellule cardiache che non hanno ricevuto il giusto apporto di sangue per un certo periodo di tempo. Nella maggior parte dei casi si verifica l’occlusione di una coronaria (vasi sanguigni deputati all’irrogazione delle cellule cardiache) per la rottura di una placca ovvero un accumulo di colesterolo che si è in precedenza depositato tra le cellule dei vasi.

La fissurazione della placca porta all’insorgenza di un fenomeno chiamato trombosi che fa sì che la coronaria si occluda provocando il mancato passaggio del sangue. Le cellule cardiache che sono a valle dell’interruzione non ricevono più sangue e quindi muoiono. La loro morte va a compromettere la contrattilità del muscolo cardiaco che non riesce quindi più a spingere il sangue in aorta e quindi nei distretti periferici del corpo portando così alla necrosi di altri organi e tessuti, all’insufficienza multiorgano e nei casi più gravi alla morte.

Quali sono i fattori di rischio per l’infarto

  • Alti livelli di colesterolo nel sangue;
  • Fumo di sigaretta;
  • Diabete;
  • Ipertensione arteriosa;
  • Uso di droghe;
  • Obesità;
  • Vita sedentaria.

Quali sono i sintomi dell’infarto

I sintomi che possono preannunciare un infarto sono molteplici, a volte si presentano singolarmente, altre volte invece tutti insieme. Ricordiamo però che tuttavia in circa il 15% dei casi l’infarto può essere totalmente asintomatico.

I principali campanelli d’allarme sono:

  • Dolore al petto che può restare localizzato oppure irradiarsi a livello delle spalle e delle braccia, o a livello dello stomaco, della mandibola o al dorso;
  • Sudorazione fredda;
  • Affanno;
  • Vertigini;
  • Nausea e vomito;
  • Astenia improvvisa;
  • Svenimento.

Se si sviluppano questi sintomi è importantissimo chiedere subito aiuto, recarsi in pronto soccorso o contattare immediatamente il 118.

A differenza dell’angina stabile che consiste in un’occlusione parziale di una coronaria in cui il sangue continua a passare e il dolore ha la durata di circa 10-15 minuti, nel caso dell’infarto il dolore dura più di 30-40 minuti e non si risolve assumendo medicine come per esempio l’isosorbide oppure con il riposo cosa che invece accade nell’angina stabile.

Ovviamente è sempre meglio prevenire che curare. Per evitare lo sviluppo di un infarto è necessario:

  • Smettere di fumare;
  • Fare attività fisica moderata tutti i giorni, come per esempio mezz’ora di camminata veloce, cyclette, nuoto;
  • Mangiare sano, più frutta e verdura;
  • Non bere alcolici.
Fonti:
  • Thygesen K, Alpert JS, White HD, Joint ESC/ACCF/AHA/WHF Task Force for the Redefinition of Myocardial Infarction. Jaffe AS, Apple FS, Galvani M, Katus HA, Newby LK, Ravkilde J, Chaitman B, Clemmensen PM, Dellborg M, Hod H, Porela P, Underwood R, Bax JJ, Beller GA, Bonow R, Van der Wall EE, Bassand JP, Wijns W, Ferguson TB, Steg PG, Uretsky BF, Williams DO, Armstrong PW, Antman EM, Fox KA, Hamm CW, Ohman EM, Simoons ML, Poole-Wilson PA, Gurfinkel EP, Lopez-Sendon JL, Pais P, Mendis S, Zhu JR, Wallentin LC, Fernández-Avilés F, Fox KM, Parkhomenko AN, Priori SG, Tendera M, Voipio-Pulkki LM, Vahanian A, Camm AJ, De Caterina R, Dean V, Dickstein K, Filippatos G, Funck-Brentano C, Hellemans I, Kristensen SD, McGregor K, Sechtem U, Silber S, Tendera M, Widimsky P, Zamorano JL, Morais J, Brener S, Harrington R, Morrow D, Lim M, Martinez-Rios MA, Steinhubl S, Levine GN, Gibler WB, Goff D, Tubaro M, Dudek D, Al-Attar N. Universal definition of myocardial infarction. Circulation. 2007 Nov 27;116(22):2634-53. [PubMed]
  • Reimer KA, Jennings RB, Tatum AH. Pathobiology of acute myocardial ischemia: metabolic, functional and ultrastructural studies. Am J Cardiol. 1983 Jul 20;52(2):72A-81A. [PubMed]
  • Apple FS, Sandoval Y, Jaffe AS, Ordonez-Llanos J., IFCC Task Force on Clinical Applications of Cardiac Bio-Markers. Cardiac Troponin Assays: Guide to Understanding Analytical Characteristics and Their Impact on Clinical Care. Clin Chem. 2017 Jan;63(1):73-81. [PubMed]
  • Goodman SG, Steg PG, Eagle KA, Fox KA, López-Sendón J, Montalescot G, Budaj A, Kennelly BM, Gore JM, Allegrone J, Granger CB, Gurfinkel EP., GRACE Investigators. The diagnostic and prognostic impact of the redefinition of acute myocardial infarction: lessons from the Global Registry of Acute Coronary Events (GRACE). Am Heart J. 2006 Mar;151(3):654-60. [PubMed]
  • Yusuf S, Hawken S, Ounpuu S, Dans T, Avezum A, Lanas F, McQueen M, Budaj A, Pais P, Varigos J, Lisheng L., INTERHEART Study Investigators. Effect of potentially modifiable risk factors associated with myocardial infarction in 52 countries (the INTERHEART study): case-control study. Lancet. 2004 Sep 11-17;364(9438):937-52. [PubMed]
  • Anand SS, Islam S, Rosengren A, Franzosi MG, Steyn K, Yusufali AH, Keltai M, Diaz R, Rangarajan S, Yusuf S., INTERHEART Investigators. Risk factors for myocardial infarction in women and men: insights from the INTERHEART study. Eur Heart J. 2008 Apr;29(7):932-40. [PubMed]
  • Stampfer MJ, Malinow MR, Willett WC, Newcomer LM, Upson B, Ullmann D, Tishler PV, Hennekens CH. A prospective study of plasma homocyst(e)ine and risk of myocardial infarction in US physicians. JAMA. 1992 Aug 19;268(7):877-81. [PubMed]
  • Nielsen M, Andersson C, Gerds TA, Andersen PK, Jensen TB, Køber L, Gislason G, Torp-Pedersen C. Familial clustering of myocardial infarction in first-degree relatives: a nationwide study. Eur Heart J. 2013 Apr;34(16):1198-203. [PubMed]
  • Samani NJ, Burton P, Mangino M, Ball SG, Balmforth AJ, Barrett J, Bishop T, Hall A., BHF Family Heart Study Research Group. A genomewide linkage study of 1,933 families affected by premature coronary artery disease: The British Heart Foundation (BHF) Family Heart Study. Am J Hum Genet. 2005 Dec;77(6):1011-20. [PMC free article] [PubMed]
  • Wang Q, Rao S, Shen GQ, Li L, Moliterno DJ, Newby LK, Rogers WJ, Cannata R, Zirzow E, Elston RC, Topol EJ. Premature myocardial infarction novel susceptibility locus on chromosome 1P34-36 identified by genomewide linkage analysis. Am J Hum Genet. 2004 Feb;74(2):262-71. [PMC free article] [PubMed]
  • Thom T, Haase N, Rosamond W, Howard VJ, Rumsfeld J, Manolio T, Zheng ZJ, Flegal K, O’Donnell C, Kittner S, Lloyd-Jones D, Goff DC, Hong Y, Adams R, Friday G, Furie K, Gorelick P, Kissela B, Marler J, Meigs J, Roger V, Sidney S, Sorlie P, Steinberger J, Wasserthiel-Smoller S, Wilson M, Wolf P., American Heart Association Statistics Committee and Stroke Statistics Subcommittee. Heart disease and stroke statistics–2006 update: a report from the American Heart Association Statistics Committee and Stroke Statistics Subcommittee. Circulation. 2006 Feb 14;113(6):e85-151. [PubMed]
Nota: Il contenuto del presente articolo non è inteso né raccomandato come sostituto di consigli, diagnosi o trattamenti medici. Pertanto è sempre necessario chiedere il parere di un medico in merito a qualsiasi domanda, condizione clinica, trattamento o argomento trattato nel presente documento. Doctorium non si assume nessuna responsabilità sull'utilizzo autonomo delle informazioni indicate.

Articoli correlati

Fai conoscere l'articolo ai tuoi amici

0 Condivisioni
Elemento aggiunto al carrello.
0 items -
doctorium_logo.png

Scrivi i tuoi dati e penseremo a tutto noi

× Servizio Clienti