Latte di cammella: integrare trattamento insulinico | Doctorium.it
17379
post-template-default,single,single-post,postid-17379,single-format-standard,bridge,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Latte di cammella: può integrare il trattamento insulinico nei pazienti con diabete?

Home » Blog » Latte di cammella: può integrare il trattamento insulinico nei pazienti con diabete?

Latte Di Cammella

R. Miniero¹, G.A. Mazza¹, M. Aloe¹, A.M. Mahadi², V. Talarico³

¹Cattedra di Pediatra,
Dipartimento Scienze Mediche
e Chirurgiche, Università “Magna
Graecia”, Catanzaro;

²Dipartimento di Pediatria,
Università di Hargeisa-Somaliland;

³UO Pediatria, Azienda Ospedaliera
“Pugliese-Ciaccio”, Catanzaro

Il latte di cammella può integrare il trattamento insulinico nei pazienti con diabete?

 

Riassunto

Numerose evidenze della letteratura pongono l’attenzione sulle interessanti proprietà biochimiche e peculiare composizione chimica del latte di cammella rispetto agli altri tipi di latte, umano e bovino. Questo latte ha dimostrato potenziali effetti benefici in diverse patologie, in particolare per le allergie alle proteine del latte vaccino e il diabete.

Per il suo effetto ipoglicemizzante, osservato in particolare nel diabete mellito tipo 1, sia nell’uomo sia in modelli animali, il latte di cammella è stato proposto come una possibile terapia integrativa a quella classica con insulina.

L’attività anti-diabetica del latte di cammella sarebbe conseguente a un’azione simile all’insulina e/o di regolazio- ne immunitaria sulle beta cellule pancreatiche.

Quest’azione sarebbe dovuta non solo all’alta concentrazione d’insulina rispetto a quella del latte di mucca, ma anche alla capacità delle proteine insulino-simili di superare la degradazione acida a livello gastrico. Continua a leggere…

PUBBLICATO SUL GIORNALE ITALIANO DI DIABETOLOGIA E METABOLISMO 2018;38:3-11

 



× Servizio Clienti