Calcoli renali: cosa sono, tipi di calcoli, le cause e la terapia più indicata

Home » Blog » Calcoli renali: cosa sono, tipi di calcoli, le cause e la terapia più indicata

Calcoli Renali

Calcoli renali: cosa sono, tipi di calcoli, le cause e la terapia più indicata

 

Redazione Doctorium

La calcolosi renale, chiamata anche litiasi, è tra le patologie più comuni e anche tra le più antiche. Veniva infatti chiamata “mal della pietra”! Il calcolo urinario più antico risale al 4800 A.C. e fu scoperto nella pelvi di una mummia egiziana! Secondo i dati forniti dal “National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES)” la prevalenza globale di calcolosi sintomatica è intorno al 9-10 % con prevalenza dei maschi (16%) rispetto alle femmine (8%).

Circa l’80% dei calcoli contengono calcio, usualmente calcio ossalato. Nel nostro articolo vedremo come si formano i calcoli renali, che sintomatologia possono provocare, come si pone diagnosi e che tipo di terapia è più indicata.

 

Perché si formano i calcoli renali

I calcoli si formano quando i soluti si cristallizzano nell’urina. L’urolitiasi può verificarsi per via di particolari caratteristiche anatomiche che portano a stasi urinaria oppure può essere dovuta ad un volume di urina ridotto, a fattori dietetici (come per esempio all’alto contenuto di ossalato o all’alto contenuto di sodio), ad infezioni del tratto urinario, all’acidosi sistemica, all’azione di farmaci oppure a fattori genetici non comuni come la cistinuria.

La causa più comune però rimane l’idratazione inadeguata e il conseguente basso volume di urina. Gli altri quattro fattori più comuni che contribuiscono alla formazione di calcoli urinari sono l’ipercalciuria, l’iperossaluria, l’iperuricosuria e l’ipocitraturia.

Tipi di calcoli renali

Esistono quattro tipi di calcoli renali:

  • Calcoli di calcio (dovuti a iperparatiroidismo, perdita renale di calcio, iperossaluria, ipomagnesemia e ipocitraturia);
  • I calcoli di acido urico sono associati a pH urinario inferiore a 5, elevato apporto di alimenti purinici (pesce, legumi, carne) oppure al cancro o alla gotta;
  • Calcoli di struvite (causati da organismi gram negativi-ureasi positivi che scompongono l’urea in ammoniaca. Gli organismi comuni includono pseudomonas, proteus e klebsiella. E coli non è associato ai calcoli di struvite);
  • I calcoli di cistina sono dovuti a un difetto metabolico intrinseco che causa l’incapacità dei tubuli renali di riassorbire cistina, lisina, ornitina e arginina.

 

Come si formano i calcoli renali

La maggior parte dei calcoli urinari iniziano come placca di Randall a livello della giunzione del tubulo collettore del nefrone e della pelvi renale nella papilla. Queste placche iniziano suburoteliali e poi crescono gradualmente fino a penetrare nella pelvi renale. Una volta in contatto con l’urina, in genere iniziano a formarsi strati di ossalato di calcio sul nidus di fosfato di calcio (tutte le placche di Randall sono composte da fosfato di calcio).

I calcoli di ossalato di calcio tendono a formarsi quando il pH urinario è inferiore a 7,2 mentre il fosfato di calcio si forma nelle urine più alcaline. L’iperparatiroidismo e disturbi metabolici simili come l’acidosi tubulare renale formano calcoli che sono principalmente o significativamente composti da fosfato di calcio. L’urina eccessivamente acida è la causa principale dei calcoli di acido urico (non iperuricosuria).

La maggior parte dei calcoli renali è costituita da calcio, seguito da cristalli di urato. La sovrasaturazione delle urine è il denominatore comune in tutti i casi di calcoli renali. In alcuni casi, i calcoli di ossalato di calcio possono depositarsi nella papilla renale. I calcoli di fosfato di calcio di solito precipitano nella membrana basale dell’ansa sottile di Henle. Il dolore colico è solitamente dovuto alla dilatazione e allo spasmo dell’uretere.

Calcoli e coliche

I pazienti con calcolosi renale presentano più comunemente dolore acuto e grave al fianco che spesso si irradia all’addome e specialmente all’inguine, ai testicoli e alle grandi labbra. È spesso acuto e severo e si associa a nausea e vomito per via delle origini embriologiche del tratto urogenitale.

Il dolore da colica renale di solito raggiunge il picco in 90-120 minuti e si irradia lungo i dermatomi T10-S4. Durante la prima fase il dolore è costante, poi diventa lancinante. La seconda fase è caratterizzata di nuovo da dolore costante che può durare 3-4 ore. La terza fase è associata ad un lieve sollievo dal dolore. Questa fase può durare 4-16 ore.

I pazienti possono anche presentare febbre, brividi o altri segni sistemici di infezione. Questa condizione, chiamata pionefrosi o pielonefrite ostruttiva, è potenzialmente grave e pericolosa e richiede spesso un intervento chirurgico di decompressione d’urgenza.

L’85% dei pazienti presenta ematuria microscopica all’analisi delle urine.

L’esame fisico può rivelare dolorabilità costovertebrale e rumori intestinali ipoattivi. La febbre si osserva raramente nella colica renale, ma la presenza di febbre, piuria e leucocitosi può essere indicativa di pielonefrite.

Come si fa la diagnosi

È necessario effettuare le analisi delle urine se si sospetta la presenza di un calcolo renale. Di solito si ha ematuria, anche se circa il 15% dei pazienti con calcoli renali non la presenta nemmeno in forma microscopica. La presenza di cristalli urinari può suggerire urolitiasi. Nitriti, leucociti e batteri positivi suggeriscono invece la presenza di un’infezione.

L’RX addome può essere utile per individuare la presenza di nefrolitiasi significativa, ma spesso può mancare i calcoli piccoli, nascosti dall’intestino o non calcificati.

L’ecografia invece può essere molto utile per valutare l’ostruzione e la conseguente idronefrosi, specialmente in gravidanza dove gli studi a raggi X non si possono effettuare. Può anche essere usato per misurare l’indice resistivo che può suggerire un’ostruzione ureterale. L’ecografia può anche identificare i calcoli di acido urico e altri calcoli non calcifici se sono sufficientemente grandi (di solito superiori a 4 mm).

Il test più sensibile e affidabile per diagnosticare l’urolitiasi è una TAC addominale e pelvica senza contrasto, che fornirà anche informazioni sull’ostruzione e sulla conseguente idronefrosi.

Trattamento e gestione

I calcoli più piccoli (meno di 5 mm) hanno una maggiore probabilità (90%) di essere espulsi grazie alla terapia idropinicae all’uso di alcuni farmaci come la tamsulosina, la nifedipina o l’alfuzosina. Qualsiasi accenno di infezione del tratto urinario deve invece essere trattato in modo aggressivo con antibiotici.

La gestione acuta richiede idratazione endovenosa, analgesia e farmaci antiemetici. Gli studi dimostrano che la desmopressina può ridurre il dolore dei calcoli renali. Rapporti aneddotici indicano che l’uso di calcio-antagonisti può fornire sollievo dal dolore perché provoca rilassamento dell’uretere e aiuta il passaggio del calcolo. Altri raccomandano l’uso di alfa-bloccanti.

Vi sono dei casi in cui è necessario un intervento urgente.

  • Un calcolo ostruttivo in un paziente con un’infezione del tratto urinario, febbre o sepsi. (Questo è chiamato pionefrosi o pielonefrite ostruttiva e richiede una decompressione chirurgica urgente mediante urologia o radiologia interventistica);
  • Nausea o dolore che non si riesce a controllare con la gestione ambulatoriale;
  • Un calcolo ostruttivo in un rene solitario;
  • Qualsiasi grado di ostruzione bilaterale simultanea che può facilmente portare a insufficienza renale;
  • Qualsiasi grado di ostruzione con aumento della creatinina.

 

La terapia di dissoluzione non funziona per i calcoli di calcio, ma può essere utilizzata per gestire i calcoli di acido urico e i calcoli di cistina. Gli acidi urici possono essere sciolti rendendo l’urina alcalina con bicarbonato di sodio. Inoltre, l’allopurinolo può essere utilizzato per ridurre l’escrezione di acido urico.

I diuretici tiazidici sono raccomandati per i pazienti con calcoli ricorrenti. I calcoli di cistina possono essere gestiti con D-penicillamina, assunzione aggressiva di liquidi e alcalinizzazione.

Fonti:

  • Reesink DJ, Scheltema JMW, Barendrecht MM, Boeken Kruger AE, Jansonius A, Wiltink J, van der Windt F. Extracorporeal shock wave lithotripsy under intravenous sedation for treatment of urolithiasis. Scand J Urol. 2018 Oct – Dec;52(5-6):453-458.
  • York NE, Zheng M, Elmansy HM, Rivera ME, Krambeck AE, Lingeman JE. Stone-free Outcomes of Flexible Ureteroscopy for Renal Calculi Utilizing Computed Tomography Imaging. Urology. 2019 Feb;124:52-56.
  • Suliman A, Burki T, Garriboli M, Glass J, Taghizadeh A. Flexible ureterorenoscopy to treat upper urinary tract stones in children. Urolithiasis. 2020 Feb;48(1):57-61.
  • Bowen DK, Tasian GE. Pediatric Stone Disease. Urol Clin North Am. 2018 Nov;45(4):539-550.
  • Aune D, Mahamat-Saleh Y, Norat T, Riboli E. Body fatness, diabetes, physical activity and risk of kidney stones: a systematic review and meta-analysis of cohort studies. Eur J Epidemiol. 2018 Nov;33(11):1033-1047.
  • Jobs K, Rakowska M, Paturej A. Urolithiasis in the pediatric population – current opinion on epidemiology, patophysiology, diagnostic evaluation and treatment. Dev Period Med. 2018;22(2):201-208.
  • Bauza JL, Pieras EC, Grases F, Tubau V, Guimerà J, Sabaté XA, Pizà P. Urinary tract infection’s etiopathogenic role in nephrolithiasis formation. Med Hypotheses. 2018 Sep;118:34-35.
  • Wiener SV, Ho SP, Stoller ML. Beginnings of nephrolithiasis: insights into the past, present and future of Randall’s plaque formation research. Curr Opin Nephrol Hypertens. 2018 Jul;27(4):236-242.
  • Cohen AJ, Borofsky MS, Anderson BB, Dauw CA, Gillen DL, Gerber GS, Worcester EM, Coe FL, Lingeman JE. Endoscopic Evidence That Randall’s Plaque is Associated with Surface Erosion of the Renal Papilla. J Endourol. 2017 Jan;31(1):85-90.
  • Rojas-Moreno C. Pyonephrosis and pyocystis. IDCases. 2016;6:104-105.
  • Sandhu MS, Gulati A, Saritha J, Nayak B. Urolithiasis: Comparison of diagnostic performance of digital tomosynthesis and ultrasound. Which one to choose and when? Eur J Radiol. 2018 Aug;105:25-31.
  • Erbay G, Yalcın A, Gultekin MH. Predictor Role of Pretreatment Resistive and Pulsatile Indexes in the Success of Medical Expulsive Therapy of Ureteral Stones. Urology. 2018 Aug;118:47-51.
  • Batura D, Hashemzehi T, Gayed W. Should contrast CT urography replace non-contrast CT as an investigation for ureteric colic in the emergency department in those aged 65 and over? Emerg Radiol. 2018 Dec;25(6):621-626.
  • Rodger F, Roditi G, Aboumarzouk OM. Diagnostic Accuracy of Low and Ultra-Low Dose CT for Identification of Urinary Tract Stones: A Systematic Review. Urol Int. 2018;100(4):375-385.
  • Kennish SJ, Wah TM, Irving HC. Unenhanced CT for the evaluation of acute ureteric colic: the essential pictorial guide. Postgrad Med J. 2010 Jul;86(1017):428-36.
  • Dalla Palma L, Pozzi-Mucelli R, Stacul F. Present-day imaging of patients with renal colic. Eur Radiol. 2001;11(1):4-17.
  • Pfister SA, Deckart A, Laschke S, Dellas S, Otto U, Buitrago C, Roth J, Wiesner W, Bongartz G, Gasser TC. Unenhanced helical computed tomography vs intravenous urography in patients with acute flank pain: accuracy and economic impact in a randomized prospective trial. Eur Radiol. 2003 Nov;13(11):2513-20.
  • Brisbane W, Bailey MR, Sorensen MD. An overview of kidney stone imaging techniques. Nat Rev Urol. 2016 Nov;13(11):654-662.
  • Yildirim K, Olcucu MT, Colak ME. Trends in the treatment of urinary stone disease in Turkey. PeerJ. 2018;6:e5390.
  • Fedrigon DC, Jain R, Sivalingam S. Current use of medical expulsive therapy among endourologists. Can Urol Assoc J. 2018 May 14;
  • Diri A, Diri B. Management of staghorn renal stones. Ren Fail. 2018 Nov;40(1):357-362.
  • Assimos D, Krambeck A, Miller NL, Monga M, Murad MH, Nelson CP, Pace KT, Pais VM, Pearle MS, Preminger GM, Razvi H, Shah O, Matlaga BR. Surgical Management of Stones: American Urological Association/Endourological Society Guideline, PART I. J Urol. 2016 Oct;196(4):1153-60.
  • Assimos D, Krambeck A, Miller NL, Monga M, Murad MH, Nelson CP, Pace KT, Pais VM, Pearle MS, Preminger GM, Razvi H, Shah O, Matlaga BR. Surgical Management of Stones: American Urological Association/Endourological Society Guideline, PART II. J Urol. 2016 Oct;196(4):1161-9.
  • Morgan MS, Pearle MS. Medical management of renal stones. BMJ. 2016 Mar 14;352:i52.
  • Reynolds LF, Kroczak T, Pace KT. Indications and contraindications for shock wave lithotripsy and how to improve outcomes. Asian J Urol. 2018 Oct;5(4):256-263.
  • Li X, Zhu W, Lam W, Yue Y, Duan H, Zeng G. Outcomes of long-term follow-up of asymptomatic renal stones and prediction of stone-related events. BJU Int. 2019 Mar;123(3):485-492.

 

Articoli correlati:


Benvenuto su Doctorium. Per uno SCONTO DEL 10% sul tuo primo videoconsulto con il codice BLOG10

× Servizio Clienti