Creatinina alta: cosa significa e quali sono i rischi - Doctorium
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Home / Blog / Creatinina alta: cosa significa e quali sono i rischi

Creatinina alta: cosa significa e quali sono i rischi

La creatinina è una sostanza di scarto che viene prodotta nei muscoli dal metabolismo della creatina. Quest’ultima è coinvolta nella contrazione muscolare. Viene filtrata dal glomerulo renale, in parte viene poi riassorbita dal tubulo e in parte viene eliminata tramite le urine.

Se i reni non funzionano bene i valori di creatinina aumentano, proprio per questo motivo i livelli di questa proteina nel sangue vengono considerati un indice del corretto funzionamento renale. Nel nostro articolo vedremo quali sono i valori normali di creatinina e quali devono destare allarme.

Parla con un nostro specialista
Specialista in: Nefrologia - 11 anni di esperienza - 30 min. 80.00 € 

Per maggiori informazioni sulla creatinina, quali sono i valori normali e quali devono destare allarme, puoi chiedere un consulenza a un nefrologo online a cui porre tutte le domande che desideri.

Registrati su Doctorium e chiedi un consulto. 

Quali sono i livelli normali di creatinina nel sangue e nelle urine

I livelli di creatinina dipendono dall’età, dal sesso, dal peso e dall’altezza. Il valore normale della creatinina nel sangue deve essere tra 0,84 a 1,21 milligrammi per decilitro (mg/dl). Solitamente gli uomini hanno valori più alti perché hanno una massa muscolare più sviluppata rispetto alle donne. Anche per tale motivo è possibile che una persona molto muscolosa abbia livelli di creatinina nel sangue più alti senza che siano spia di una condizione patologica.

D’altra parte le persone anziane possono avere valori più bassi del normale per via dell’atrofia muscolare in cui normalmente si incorre invecchiando.

I valori normali della creatinina urinaria sono 0,8 g per 24 ore e dipendono anche questi dalla massa muscolare.

Perché aumentano i valori della creatinina

Se si ha un’alterazione della funzionalità dei reni si verifica un aumento dei valori della creatinina nel sangue. Diventa quindi fondamentale individuare la causa dello scarso funzionamento dei reni e capire se si sia verificata in acuto oppure si tratti di una condizione cronica.

Vi sono diverse malattie croniche che possono provocare insufficienza renale come per esempio il diabete mellito oppure la pressione alta che sono responsabili rispettivamente dell’insorgenza della nefropatia diabetica e della nefropatia ipertensiva. In queste situazioni i reni sono danneggiati, non filtrano bene, la creatinina non viene eliminata nelle urine e quindi aumenta nel sangue.

Esistono delle situazioni in cui i livelli di creatinina nel sangue invece aumentano solo temporaneamente. È il caso per esempio di quelle persone che seguono una dieta molto ricca di proteine oppure che fanno molto sport oppure se hanno subito un trauma muscolare o hanno un ipertiroidismo.

L’aumento temporaneo si può avere anche se si beve poca acqua oppure se si assumono determinati farmaci per curare malattie oncologiche o infettive. Infatti alcuni antibiotici come per esempio gli aminoglicosidi sono famosi per essere nefrotossici e responsabili dell’aumento dei livelli di creatinina.

Che sintomi provoca la creatinina alta

Quando la creatinina nel sangue è alta si può accusare stanchezza, affaticamento, gonfiore ai piedi e alle caviglie, prurito e pelle secca, mancanza di respiro, confusione mentale e crampi ai muscoli.

Parla con un nostro specialista
Specialista in: Nefrologia - 37 anni di esperienza - 30 min. 45.00 € 

Cosa fare se la creatinina è alta: alcuni consigli

Se la creatinina è alta ovviamente è necessario indagarne le cause e cercare di rimuoverle in modo da ripristinare il corretto funzionamento dei reni. Tuttavia se ciò non è possibile e si configura una condizione di cronicità che porta ad avere persistentemente livelli alti di creatinina può essere utile seguire questi consigli:

  • Ridurre il consumo di sale;
  • Evitare di mangiare cibi con zuccheri raffinati e di bere bevande alcoliche o che contengono caffeina perché provocano disidratazione e rendono più faticoso il lavoro dei reni;
  • Stare attenti nel consumere le proteine in modo eccessivo come per esempio le carni rosse e i formaggi;
  • Mangiare più verdure, cereali integrali, semi e frutta;
  • Limitare gli sforzi fisici ed evitare l’attività fisica intensa.
Fonti:
  • Schwartz GJ, Haycock GB, Edelmann CM, Spitzer A. A simple estimate of glomerular filtration rate in children derived from body length and plasma creatinine. Pediatrics. 1976 Aug;58(2):259-63.
  • Kampmann JP, Hansen JM. Glomerular filtration rate and creatinine clearance. Br J Clin Pharmacol. 1981 Jul;12(1):7-14.
  • Gowda S, Desai PB, Kulkarni SS, Hull VV, Math AA, Vernekar SN. Markers of renal function tests. N Am J Med Sci. 2010 Apr;2(4):170-3.
  • Stevens LA, Coresh J, Greene T, Levey AS. Assessing kidney function–measured and estimated glomerular filtration rate. N Engl J Med. 2006 Jun 08;354(23):2473-83.
  • Cockcroft DW, Gault MH. Prediction of creatinine clearance from serum creatinine. Nephron. 1976;16(1):31-41.
  • Zuo Y, Wang C, Zhou J, Sachdeva A, Ruelos VC. Simultaneous determination of creatinine and uric acid in human urine by high-performance liquid chromatography. Anal Sci. 2008 Dec;24(12):1589-92.
  • Michels WM, Grootendorst DC, Verduijn M, Elliott EG, Dekker FW, Krediet RT. Performance of the Cockcroft-Gault, MDRD, and new CKD-EPI formulas in relation to GFR, age, and body size. Clin J Am Soc Nephrol. 2010 Jun;5(6):1003-9.
  • Levey AS, Bosch JP, Lewis JB, Greene T, Rogers N, Roth D. A more accurate method to estimate glomerular filtration rate from serum creatinine: a new prediction equation. Modification of Diet in Renal Disease Study Group. Ann Intern Med. 1999 Mar 16;130(6):461-70.
  • Kumar BV, Mohan T. Retrospective Comparison of Estimated GFR using 2006 MDRD, 2009 CKD-EPI and Cockcroft-Gault with 24 Hour Urine Creatinine Clearance. J Clin Diagn Res. 2017 May;11(5):BC09-BC12.
Nota: Il contenuto del presente articolo non è inteso né raccomandato come sostituto di consigli, diagnosi o trattamenti medici. Pertanto è sempre necessario chiedere il parere di un medico in merito a qualsiasi domanda, condizione clinica, trattamento o argomento trattato nel presente documento. Doctorium non si assume nessuna responsabilità sull'utilizzo autonomo delle informazioni indicate.

Articoli correlati

Fai conoscere l'articolo ai tuoi amici

1 Condivisioni
Elemento aggiunto al carrello.
0 items -

Chiedi un video consulto.

doctorium_logo.png

Scrivi i tuoi dati e penseremo a tutto noi

× Servizio Clienti