Il bilancio sull'influenza stagionale 2022
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Home / Blog / Il bilancio sull’influenza stagionale 2022

Il bilancio sull’influenza stagionale 2022

A maggio 2022 l’Istituto Superiore di Sanità ha reso pubblico il rapporto contenente l’ultimo bilancio sull’influenza stagionale. Un report sempre molto importante da analizzare al termine dalla stagione, ma ancor di più negli ultimi anni, quando i dati sono stati influenzati anche dalla pandemia. Si tratta, infatti, di un’analisi effettuata anche in relazione alla pandemia da Covid-19. In generale, è interessante vedere come, rispetto all’ultimo rapporto, l’incidenza delle sindromi simil-influenzali stia subendo una discesa in tutte le fasce di età.

I dati del 2022: curva epidemica in calo

Il rapporto pubblicato l’8 maggio 2022 dall’Istituto Superiore di Sanità fornisce un’analisi dettagliata e precisa dell’andamento influenzale durante la scorsa stagione. Dai risultati delle analisi emerge come la diffusione dell’influenza durante la stagione 2021-2022 sia in calo per tutte le fasce di età e, in particolare, per tutti i bambini in età pediatrica. Dunque, i dati mostrano il seguente andamento, suddiviso per fasce di età:

  • 0-4 anni: 10,55 casi per mille bambini;
  • 5-14 anni: 4,74 casi per mille assistiti;
  • 15-64 anni: 3,51 mila per mille adulti;
  • oltre i 65 anni: 1,83 casi per mille individui.

Dati sicuramente incoraggianti, che evidenziano una chiara discesa nella curva epidemica al crescere dell’età degli individui trattati. Nel complesso, però, la curva delle sindromi simil-influenzali è sopra la soglia epidemica, seppur continuando a calare.

L’Iss ha dichiarato che, durante la stagione 2021-2022, sono state 6.538.900 le persone in Italia alle quali sono state riconosciute sindromi simil-influenzali. Ma, in ogni caso, è possibile affermare che si tratti di una diffusione dell’influenza più limitata, rispetto alle precedenti stagioni pre-Covid-19. Focalizzandosi sul calendario, quest’anno si è assistito a un inizio tardivo datato a febbraio e a una chiara predominanza dell’influenza di tipo A.

Analisi virologica dello scenario 

A livello virologico, il rapporto presentato mostra un’incidenza anche dei casi positivi al Sars-Cov-2. Infatti, durante la settimana 16 del 2022, si sono registrati – attraverso il portale InfluNet – 384 campioni clinici e, tra quelli analizzati, il 10% è risultato positivo all’influenza di tutti i tipi. Invece – considerando sempre quelli registrati sul portale – 136 campioni hanno fatto emergere la positività al Covid-19.Dunque, volendo fornire una visione complessiva della situazione, adottando prettamente un punto di vista virologico, emerge il seguente scenario: dall’inizio della stagione influenzale fino ai primi di maggio, il 14% del totale dei campioni clinici raccolti e analizzati in differenti laboratori è positivo al virus influenzale. Tra questi, esiste una ridotta percentuale positiva al coronavirus.

Nota: Il contenuto del presente articolo non è inteso né raccomandato come sostituto di consigli, diagnosi o trattamenti medici. Pertanto è sempre necessario chiedere il parere di un medico in merito a qualsiasi domanda, condizione clinica, trattamento o argomento trattato nel presente documento. Doctorium non si assume nessuna responsabilità sull'utilizzo autonomo delle informazioni indicate.

Articoli correlati

Fai conoscere l'articolo ai tuoi amici

0 Condivisioni
Elemento aggiunto al carrello.
0 items -

Chiedi un video consulto.

doctorium_logo.png

Scrivi i tuoi dati e penseremo a tutto noi

× Servizio Clienti