Perimenopausa: quali sono i sintomi precoci della menopausa

Perimenopausa: quali sono i sintomi precoci della menopausa

Perimenopausa

Il periodo che precede la menopausa è noto come perimenopausa. In questa fase il ciclo mestruale diventa irregolare. Si parla di vera e proprio menopausa dopo 12 mesi consecutivi di assenza delle mestruazioni. La premenopausa è invece il periodo che precede la perimenopausa e si caratterizza da una serie di cambiamenti psicologici e biologici che portano progressivamente alla fine del periodo fertile. Nel nostro articolo vedremo quali sono i principali sintomi della perimenopausa e vedremo come porvi rimedio.

Sintomi in perimenopausa

Durante la perimenopausa l’attività ovarica cessa gradualmente, i follicoli si riducono progressivamente e se ne riduce anche la qualità. Ovviamente anche la fecondità diminuisce.

Tra i sintomi tipici della perimenopausa abbiamo le vampate di calore, l’insonnia, la disforia e l’irregolarità del ciclo.

Vampate di calore

L’esatta patogenesi delle vampate di calore è sconosciuta, ma diversi studi indicano che probabilmente deriva da un difetto della funzione termoregolatrice centrale. Vari ormoni e neurotrasmettitori modulano i sintomi vasomotori, soprattutto gli estrogeni.

Si suppone pertanto che la carenza di estrogeni ovarici sia il meccanismo iniziale che porta alla comparsa delle vampate di calore. Anche la noradrenalina e la serotonina hanno un ruolo nel difetto di termoregolazione, motivo per cui spesso vengono usati gli SSRI e SNRI per trattare i sintomi vasomotori. Si è visto infatti che i livelli plasmatici dei metaboliti della noradrenalina aumentano prima e durante una vampata di calore.

Si verifica inoltre vasodilatazione periferica e un aumento della pressione sanguigna sistolica e della frequenza cardiaca.

Atrofia vulvovaginale

Altro sintomo molto frequente è l’atrofia vulvovaginale. I tessuti urogenitali sono estremamente sensibili agli estrogeni e alle loro fluttuazioni. Diversi studi di popolazione e di comunità confermano che circa il 27%-60% delle donne riferisce sintomi da moderati a gravi di secchezza vaginale o dispareunia in associazione con la perimenopausa.

A differenza dei sintomi vasomotori, l’atrofia vulvovaginale non migliora nel tempo senza trattamento. La terapia ormonale della menopausa è molto efficace nell’atrofia vaginale e nella secchezza. A questo scopo possono essere utilizzati estrogeni sistemici o vaginali.

Disturbi del sonno e insonnia

La qualità del sonno generalmente si deteriora con l’invecchiamento. Durante la perimenopausa la situazione peggiora. È improbabile che i cambiamenti ormonali da soli forniscano una spiegazione completa della relazione tra difficoltà del sonno e menopausa.

Coerente con questo concetto è il fatto che gli ormoni non sempre hanno successo nel trattare i problemi del sonno nella mezza età e oltre. Le cattive abitudini igieniche del sonno e i disturbi dell’umore contribuiscono ulteriormente. Sicuramente le donne che riferiscono il risveglio notturno in associazione con sudorazioni notturne sono candidate alla terapia ormonale. Tuttavia, la storia clinica non è spesso così semplice.

Le donne con disturbi dell’umore, in particolare ansia e depressione, possono avere difficoltà ad addormentarsi oppure possono presentare risvegli precoci.

Umore avverso

Gli estrogeni influenzano le vie di regolazione dell’umore nel cervello: si ritiene che la depressione, anche se in parte, sia causata dalla disregolazione delle vie monoaminergiche nel sistema nervoso centrale e il cambiamento dei livelli di estrogeni può portare ad alterazioni di questi sistemi serotoninergici e noradrenergici.

Si è visto in modelli animali che la somministrazione di estrogeni può indurre cambiamenti nella neurotrasmissione della serotonina nell’amigdala, nell’ippocampo e nell’ipotalamo, regioni del cervello coinvolte nella regolazione degli affetti.

Negli esseri umani, gli studi su donne in menopausa sottoposte a trattamento con estrogeni hanno mostrato cambiamenti dell’umore e trasmissione della serotonina in base allo stato ormonale. Il trattamento di prima linea di un episodio depressivo maggiore può comprendere la psicoterapia, gli antidepressivi o una combinazione dei due.

Il trattamento è spesso adattato alle preferenze del paziente e alla gravità della depressione. Certamente, se l’episodio è grave è necessaria la combinazione di psicoterapia e farmacoterapia.

Un episodio da lieve a moderato può rispondere sia alla psicoterapia che al solo antidepressivo. I medici di base spesso fanno la diagnosi iniziale di depressione e iniziano il trattamento in modo tempestivo, quando possibile. Gli SSRI sono la prima scelta: in uno studio sul trattamento di Soares e colleghi, l’escitalopram si è dimostrato superiore a una combinazione di estrogeni e progesterone nel trattamento della depressione e di altri sintomi della menopausa.

Quasi il 75% delle donne in trattamento con escitalopram ha raggiunto la remissione della depressione rispetto al 25% di quelle in terapia ormonale sostitutiva.

Fonti:
  • Dennerstein L, Dudley EC, Hopper JL, et al. A prospective population-based study of menopausal symptoms. Obstet Gynecol. 2000;96:351–358.
  • Sherman S, Miller H, Nerukar L, et al. NIH State-of-the-Science Conference on Management of Menopause-Related Symptoms, March 21–25, 2005. Am J Med. 2005;118(suppl 2):1–172.
  • Cohen L, Soares C, Vitonis A, et al. Risk for new onset of depression during the menopausal transition: the Harvard study of moods and cycles. Arch Gen Psychiatry. 2006;63:386–390.
  • Guthrie JR, Dennerstein L, Taffe JR, et al. Health care-seeking for menopausal problems. Climacteric. 2003;6:112–117.
  • Bromberger JT, Matthews KA, Schott LL, et al. Depressive symptoms during the menopausal transition: the Study of Women’s Health Across the Nation (SWAN) J Affect Disord. 2007;103:267–272.
  • Freeman EW, Sammel MD, Lin H, et al. Symptoms associated with menopausal transition and reproductive hormones in midlife women. Obstet Gynecol. 2007;110:230–240.
  • ACOG practice bulletin No. 141: management of menopausal symptoms. Obstet Gynecol. 2014;123:202–216.
  • Greendale GA, Huang MH, Wight RG, et al. Effects of the menopause transition and hormone use on cognitive performance in midlife women. Neurology. 2009;72:1850–1857.
  • Reed SD, Lampe JW, Qu C, et al. Premenopausal vasomotor symptoms in an ethnically diverse population. Menopause. 2014;21:153–158.
  • Politi MC, Schleinitz MD, Col NF. Revisiting the duration of vasomotor symptoms of menopause: a meta-analysis. J Gen Intern Med. 2008;23:1507–1513.
  • Col NF, Guthrie JR, Politi M, et al. Duration of vasomotor symptoms in middle-aged women: a longitudinal study. Menopause. 2009;16:453–457.
  • Gold EB, Colvin A, Avis N, et al. Longitudinal analysis of the association between vasomotor symptoms and race/ethnicity across the menopausal transition: Study of Women’s Health Across the Nation. Am J Public Health. 2006;96:1226–1235.
  • Kligman L, Younus J. Management of hot flashes in women with breast cancer. Curr Oncol. 2010;17:81–86.
  • Santoro N, Komi J. Prevalence and impact of vaginal symptoms among postmenopausal women. J Sex Med. 2009;6:2133–2142.
  • Pastore LM, Carter RA, Hulka BS, et al. Self-reported urogenital symptoms in postmenopausal women: Women’s Health Initiative. Maturitas. 2004;49:292–303.
Articoli correlati:


Benvenuto su Doctorium. Uno SCONTO DEL 10% sul tuo primo videoconsulto con il codice BLOG10

× Servizio Clienti