Vulvodinia: perché se ne parla tanto
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Home / Blog / Vulvodinia: perché se ne parla tanto

Vulvodinia: perché se ne parla tanto

Recentemente è stata presentata la proposta di legge per il riconoscimento della vulvodinia come malattia cronica. Si tratta di una malattia invalidante per tantissime donne, anche se non riconosciuta ufficialmente. Le conseguenze di tale situazione si riflettono della quotidianità di chi ne soffre e, per tale motivo, è importante che la vulvodinia venga riconosciuta dal Sistema sanitario nazionale.

Che cos’è la vulvodinia?

La vulvodinia è un disturbo comune tra le donne di tutte le età. L’Organizzazione mondiale della Sanità descrive tale malattia come “una sensazione cronica di dolore, bruciore o irritazione della vulva”. Nonostante si tratti di una condizione compromettente e ostacolante nella quotidianità, fino a qualche mese fa la vulvodinia non era riconosciuta come tale. A contribuire a tale condizione, è sicuramente l’impossibilità di individuarne specifiche cause scatenanti: si tratta di un dolore che può presentarsi in modo spontaneo o solamente al tatto.

Alcuni studi rivelano che le donne affette da vulvodinia oggi siano circa il 15% ma, non essendo ancora riconosciuta dal Ssn, diventa difficile effettuarne una stima precisa e attendibile. Infatti, sono tante le persone che continuano a soffrirne, ma per le quali non è mai stata fatta una diagnosi ufficiale. Allo stesso modo, le terapie sono spesso troppo costose, scarse e difficilmente accessibili. Oggi, purtroppo, non esiste una cura definitiva per la vulvodinia e quasi tutte le terapie riescono solo a ridimensionarne i sintomi, senza eliminarne la causa scatenante.

Proposta di legge sulla vulvodinia

Il 13 aprile 2022 è stata presentata in Senato l’importante proposta di legge per far sì che la vulvodinia venga riconosciuta ufficialmente dal Servizio sanitario Nazionale. Un momento molto importante e un grande passo per le donne che da anni si battono affinché tale malattia venga e riconosciuta. L’attivista Giorgia Soleri si è esposta in prima persona il 3 maggio durante la conferenza stampa tenutasi alla Camera, per raccontare la sua personale esperienza di sofferenza e, soprattutto, per rappresentare tutte quelle donne che – come lei – per anni hanno sofferto di un disturbo mai diagnosticato e riconosciuto.

Il testo della proposta di legge è il frutto di un lavoro multidisciplinare, che coinvolge medici, pazienti e legali e prevede 15 articoli finalizzati al riconoscimento – da parte del Ssn – della vulvodinia come una malattia cronica e invalidante. In caso di approvazione, è previsto l’inserimento, in ogni regione italiana, di almeno un presidio sanitario pubblico specializzato nella diagnosi e nella cura del dolore pelvico. In tal modo, le cure non solo diventeranno più accessibili, ma per la diagnosi si potranno sostenere dei costi minori, perché si potrà ricorrere alla sanità pubblica e non solo a quella privata.

Nota: Il contenuto del presente articolo non è inteso né raccomandato come sostituto di consigli, diagnosi o trattamenti medici. Pertanto è sempre necessario chiedere il parere di un medico in merito a qualsiasi domanda, condizione clinica, trattamento o argomento trattato nel presente documento. Doctorium non si assume nessuna responsabilità sull'utilizzo autonomo delle informazioni indicate.

Articoli correlati

Fai conoscere l'articolo ai tuoi amici

0 Condivisioni
Elemento aggiunto al carrello.
0 items -

Chiedi un video consulto.

doctorium_logo.png

Scrivi i tuoi dati e penseremo a tutto noi

× Servizio Clienti