Geloni mani e piedi: come curarli - Doctorium
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Home / Blog / Geloni mani e piedi: come curarli

Geloni mani e piedi: come curarli

Sicuramente vi sarà capitato di riscaldare velocemente le mani o i piedi dopo esservi esposti al freddo, quella fastidiosa sensazione di gonfiore e dolore che ne deriva viene comunemente indicato con il nome di gelone. Nel nostro articolo vedremo nello specifico di cosa si tratta e cosa si può fare per porvi rimedio.

Parla con un nostro specialista
Specialista in: Reumatologia - 10 anni di esperienza - 30 min. 70.00 € 

Cosa sono i geloni

Comunemente vengono chiamati geloni, in realtà il termine medico esatto è eritema pernio ed indica il danno termico che si scatena a livello dei capillari delle estremità quando si passa dal freddo intenso al caldo. Questo danno termico induce i capillari a vasodilatarsi rapidamente inducendo una risposta cutanea con arrossamento, gonfiore, prurito e vesciche.

Ricordiamo però che tali manifestazioni possono svilupparsi anche senza che ci sia questo sbalzo termico e questo è indice di malattie di natura reumatologica come patologie del tessuto connettivo oppure problemi circolatori.

Fattori di rischio

Esistono una serie di fattori che possono indurre maggiormente la comparsa dei geloni. Sicuramente dato che si presentano quando ci si espone al freddo, i geloni sono meno frequenti nei paesi caldi in cui l’aria è più secca.

Si presentano quindi principalmente nei paesi freddi e in inverno. Essere molto magri o soffrire di patologie che portano ad una scarsa nutrizione espone maggiormente alla comparsa dei geloni. Esiste inoltre una certa tendenza familiare. Alcuni individui sono maggiormente a rischio in particolare le donne, i fumatori, le persone che soffrono di diabete o dislipidemia perché è frequente che soffrano anche di una malattia vascolare periferica.

Altre persone che sono ad alto rischio sono i malati di lupus eritematoso sistemico o sclerosi sistemica e chi soffre del fenomeno di Raynaud perché presentano un vasospasmo dei piccoli vasi che è eccessivo. Ricordiamo inoltre che geloni ricorrenti si possono sviluppare anche in persone che assumono alcuni farmaci che possono provocare la costrizione dei piccoli vasi.

Sintomi e complicanze

Il pernio si presenta comunemente come lesioni eritrocianotiche multiple, tipicamente macule, papule o noduli che si sviluppano in risposta all’esposizione ad ambienti freddi e umidi.

Queste lesioni sono generalmente simmetriche e colpiscono mani o piedi bilaterali, in particolare le dita dei piedi e delle mani. È stato anche riportato che il pernio colpisce altri siti del corpo con minore frequenza. Le lesioni del pernio compaiono comunemente entro 24 ore dall’esposizione al freddo e spesso si risolvono entro poche settimane.

Parla con un nostro specialista
Specialista in: Reumatologia - 11 anni di esperienza - 30 min. 65.00 € 

Le lesioni possono presentare vesciche o ulcerarsi e i pazienti spesso riferiscono sintomi di bruciore, dolorabilità o prurito.

Ci sono state anche segnalazioni di distrofia ungueale in pazienti con pernio dopo aver subito un’esposizione prolungata a condizioni fredde e umide. Una potenziale complicanza preoccupante è lo sviluppo di un’infezione secondaria.

Nei pazienti che manifestano vesciche o ulcerazioni associate a pernio, come con qualsiasi processo patologico in cui vi è un punto di ingresso per i batteri a causa della lesione della pelle, può verificarsi facilmente un’infezione secondaria, rendendo sempre più necessario trattare questi pazienti e incoraggiare una rapida risoluzione delle vesciche o ulcerazioni.

Come accennato quindi riassumendo, i geloni si presentano con i seguenti sintomi:

  • Gonfiore;
  • Prurito;
  • Eritema;
  • Bruciore;
  • Dolore e alterazione del colore della pelle (blu scura, rossa);
  • Vesciche e ulcere.

Le complicanze che possono svilupparsi sono legate proprio alla comparsa di vesciche e conseguentemente di ulcere. Nei casi più gravi le ulcere possono infettarsi e provocare danni importanti.

Trattamento e prevenzione

Sicuramente sarebbe meglio prevenire l’insorgenza dei geloni soprattutto se si è particolarmente vulnerabili al loro sviluppo.

Bisogna quindi cercare di evitare di esporsi per lungo periodo a temperature molto fredde e si deve stare attenti a non riscaldarsi troppo repentinamente esponendosi a fonti di calore dirette. È importante proteggersi dal freddo con indumenti adatti come guanti, calze con tessuti termici. Infine ricordiamo che è bene riscaldarsi lentamente e in maniera graduale.

Le terapie farmacologiche che possono essere assunte sono di carattere topico oppure nei casi più gravi sistemiche. I farmaci topici per eccellenza sono le creme a base di cortisone che aiutano a ridurre l’edema e il prurito. Se la pelle è ulcerata è necessario prevenire la comparsa di infezioni, sono molto utili a tal proposito le creme a base di antibiotico.

Gli antichi rimedi della nonna invece possono essere applicati solo se le lesioni sono molto blande. Si tratta dell’impiego per esempio di fettine di patata che hanno la capacità di calmare infiammazione e dolore, oppure si può usare la calendula che riduce il dolore e il bruciore, altro rimedio a scopo più che altro preventivo è l’infuso di rosmarino che è noto per la sua capacità di migliorare la circolazione sanguigna.

Parla con un nostro specialista
Specialista in: Reumatologia - 11 anni di esperienza - 30 min. 65.00 € 

Nell’ultimo decennio, i ricercatori hanno sviluppato trattamenti specifici per gestire questa malattia indotta da enterovirus 71 al fine di prevenirne le sue gravi complicanze neurologiche. Finora comunque non è stato approvato alcun farmaco. Però tra le nuove molecole studiate abbiamo inibitori della traduzione, antagonisti dei recettori e inibitori della replicazione. Sono stati effettuati diversi studi su possibili vaccini. Nessuno di essi è stato però ancora approvato.

Fonti
  • Hedrich CM, Fiebig B, Hauck FH, Sallmann S, Hahn G, Pfeiffer C, Heubner G, Lee-Kirsch MA, Gahr M. Chilblain lupus erythematosus–a review of literature. Clin Rheumatol. 2008 Aug;27(8):949-54. [PubMed]
  • Park KK, Tayebi B, Uihlein L, Speiser J, Mir A, Gerami P, Mancini A, Kim W. Pernio as the presenting sign of blast crisis in acute lymphoblastic leukemia. Pediatr Dermatol. 2018 Jan;35(1):e74-e75. [PubMed]
  • Cribier B, Djeridi N, Peltre B, Grosshans E. A histologic and immunohistochemical study of chilblains. J Am Acad Dermatol. 2001 Dec;45(6):924-9. [PubMed]
  • Parlette EC, Parlette HL. Erythrocyanotic discoloration of the toes. Cutis. 2000 Apr;65(4):223-4, 226. [PubMed]
  • Shahi V, Wetter DA, Cappel JA, Davis MD, Spittell PC. Vasospasm Is a Consistent Finding in Pernio (Chilblains) and a Possible Clue to Pathogenesis. Dermatology. 2015;231(3):274-9. [PubMed]
  • Boada A, Bielsa I, Fernández-Figueras MT, Ferrándiz C. Perniosis: clinical and histopathological analysis. Am J Dermatopathol. 2010 Feb;32(1):19-23. [PubMed]
  • Crowson AN, Magro CM. Idiopathic perniosis and its mimics: a clinical and histological study of 38 cases. Hum Pathol. 1997 Apr;28(4):478-84. [PubMed]
  • Takci Z, Vahaboglu G, Eksioglu H. Epidemiological patterns of perniosis, and its association with systemic disorder. Clin Exp Dermatol. 2012 Dec;37(8):844-9. [PubMed]
  • Ozuguz P, Kacar SD, Karaca S. Does pernio cause nail dystrophy? J Pak Med Assoc. 2014 Mar;64(3):349-50. [PubMed]
  • Cappel JA, Wetter DA. Clinical characteristics, etiologic associations, laboratory findings, treatment, and proposal of diagnostic criteria of pernio (chilblains) in a series of 104 patients at Mayo Clinic, 2000 to 2011. Mayo Clin Proc. 2014 Feb;89(2):207-15. [PubMed]
  • Yang X, Perez OA, English JC. Adult perniosis and cryoglobulinemia: a retrospective study and review of the literature. J Am Acad Dermatol. 2010 Jun;62(6):e21-2. [PubMed]
  • Ganor S. Corticosteroid therapy for pernio. J Am Acad Dermatol. 1983 Jan;8(1):136. [PubMed]
  • Rustin MH, Newton JA, Smith NP, Dowd PM. The treatment of chilblains with nifedipine: the results of a pilot study, a double-blind placebo-controlled randomized study and a long-term open trial. Br J Dermatol. 1989 Feb;120(2):267-75. [PubMed]
  • Dowd PM, Rustin MH, Lanigan S. Nifedipine in the treatment of chilblains. Br Med J (Clin Res Ed). 1986 Oct 11;293(6552):923-4. [PMC free article] [PubMed]
  • Günther C, Hillebrand M, Brunk J, Lee-Kirsch MA. Systemic involvement in TREX1-associated familial chilblain lupus. J Am Acad Dermatol. 2013 Oct;69(4):e179-81. [PubMed]
Nota: Il contenuto del presente articolo non è inteso né raccomandato come sostituto di consigli, diagnosi o trattamenti medici. Pertanto è sempre necessario chiedere il parere di un medico in merito a qualsiasi domanda, condizione clinica, trattamento o argomento trattato nel presente documento. Doctorium non si assume nessuna responsabilità sull'utilizzo autonomo delle informazioni indicate.

Articoli correlati

Fai conoscere l'articolo ai tuoi amici

0 Condivisioni
Elemento aggiunto al carrello.
0 items -

Scrivi i tuoi dati e penseremo a tutto noi

doctorium_logo.png

Chiedi un video consulto.

Scrivi i tuoi dati e penseremo a tutto noi

× Servizio Clienti