COVID-19 e complicanze neurologiche: gli studi ne evidenziano la comparsa

Home » Blog » COVID-19 e complicanze neurologiche: gli studi ne evidenziano la comparsa Covid 19 Omplicanze Neurologiche

COVID-19 e complicanze neurologiche: gli studi ne evidenziano la comparsa

 

Redazione Doctorium

Oggi abbiamo a disposizione diversi studi che evidenziano la comparsa di complicanze neurologiche legate al COVID-19. Nel nostro articolo faremo riferimento agli studi eseguiti in ben 25 paesi diversi. Da questi studi è emerso che i sintomi neurologici più comuni nel COVID-19 sono mal di testa, vertigini, anosmia e ageusia.

I reperti neurologici più gravi includono ictus, compromissione della coscienza, coma, convulsioni, neuropatia ed encefalopatia.

 

Sintomi correlati al SNC

Mal di testa e vertigini

Mal di testa e vertigini sono stati segnalati come due delle manifestazioni iniziali più comuni in molti pazienti con COVID-19. Il mal di testa è stato riportato in 2073 pazienti in 34 studi. La gravità è stata segnalata come da moderata a grave. Si manifesta come mal di testa di tipo tensivo, il dolore è bilaterale con esacerbazione se ci si piega e per lo più localizzato nella regione temporo-parietale o talvolta più anteriormente verso la fronte.

Sono stati suggeriti diversi potenziali meccanismi fisiopatologici sottostanti. In particolare, potrebbe essere dovuto a un’invasione diretta di SARS-CoV-2 alle terminazioni del nervo trigemino dalla cavità nasale. L’altro possibile meccanismo sottostante è l’attivazione trigemino-vascolare dovuta al coinvolgimento delle cellule endoteliali delle pareti dei vasi con alta espressione dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2). Un terzo meccanismo proposto afferma che il rilascio dei mediatori pro-infiammatori e delle citochine durante COVID-19 potrebbe stimolare le terminazioni del nervo trigemino perivascolare e causare mal di testa.

Le vertigini invece sono state evidenziate in undici studi in 173 pazienti.

Eventi cerebrovascolari

L’ictus ischemico acuto è stato segnalato in circa 1-3% dei pazienti con COVID-19; questo dato è simile con altre infezioni da CoV (come SARS-CoV-1 e MERS-CoV). Si è visto che ben 370 pazienti con infezione da SARS-CoV-2 su 37 studi hanno sviluppato un ictus ischemico acuto o attacco ischemico transitorio (TIA). La maggior parte di questi pazienti presentava diverse co-morbilità sottostanti che li rendevano più suscettibili agli eventi tromboembolici.

Tuttavia, ci sono segnalazioni di ictus ischemico acuto che si verificano in giovani adulti con infezione da SARS-Cov-2 e senza alcuna storia medica passata o fattori di rischio cardiovascolare.

Le cause sono da ricercare nelle anomalie della coagulazione riscontrate in pazienti con COVID 19 in condizioni critiche. Vi è infatti un aumento dei fattori procoagulanti, inclusi i livelli sierici di fibrinogeno (94%), piastrine (62%), interleuchina-6 (IL-6) e D-dimero (100%) che contribuiscono ad elevare il tasso di tromboembolismo e quindi di mortalità e morbilità. Si è visto che livelli elevati di proteina C-reattiva (PCR), interleuchina-7 (IL-7), IL-6 e altri marcatori infiammatori rendono la placca aterosclerotica esistente più suscettibile alla rottura.

Le complicanze aritmiche dovute al COVID-19 possono essere un altro potenziale meccanismo che contribuisce a un più alto tasso di eventi ischemici in questi pazienti.

L’altro meccanismo proposto coinvolge ACE2. È stato dimostrato che il virus SARS-CoV-2 si lega all’ACE2 che si trova nelle cellule endoteliali del polmone, dell’intestino tenue e dei vasi cerebrali. L’esaurimento di ACE2 da parte del virus SARS-CoV-2 può causare uno squilibrio del sistema renina-angiotensina (RAS) che potrebbe provocare una disfunzione endoteliale e conseguentemente eventi ischemici.

L’emorragia intracranica è stata osservata in circa lo 0,5% dei pazienti con COVID-19 in diversi studi effettuati su un’ampia popolazione. Secondo quanto riferito, 61 pazienti in 19 studi hanno sviluppato un’emorragia intracranica. SARS-CoV2 è capace di provocare coagulopatie come CID (coagulazione intravascolare disseminata), trombocitopenia, D-dimero elevato e tempo di protrombina prolungato che può provocare emorragia.

Un altro potenziale meccanismo è l’effetto di SARS-CoV-2 su ACE2. Come accennato in precedenza, SARS-CoV-2 utilizza il recettore ACE 2 per l’ingresso nelle cellule. ACE2 è fondamentale nel sistema renina-angiotensina che è uno dei più importanti sistemi regolatori della pressione sanguigna. La sottoregolazione dell’ACE2 indotta da SARS-CoV-2 può portare a vasocostrizione e disfunzione dell’autoregolazione cerebrale e conseguentemente picchi di pressione sanguigna che possono causare la rottura della parete arteriosa ed emorragia.

La trombosi del seno venoso cerebrale è stata segnalata in 13 pazienti su 9 studi. Nel complesso è stato dimostrato che le complicanze tromboemboliche venose e arteriose sono state osservate nel 5-15% dei pazienti con COVID-19 grave.

Coscienza alterata

Diminuzione del livello di coscienza ed encefalopatia sono state riportate dal 7,5% al 31% dei pazienti con COVID-19 in 22 articoli comprendenti 454 pazienti. Nei pazienti COVID-19, i possibili meccanismi che ne causano l’insorgenza includono danni parenchimali, squilibrio elettrolitico, encefalopatie ipossiche, tossiche e metaboliche e stato epilettico non convulsivo.

La leucoencefalopatia dopo COVID-19 è stata segnalata in 18 pazienti in 3 studi. Probabilmente tale condizione è dovuta all’ipossia che si verifica durante l’infezione che provoca la morte delle cellule oligodendrogliali e successivamente la demielinizzazione. Altre potenziali eziologie possono essere l’infezione cerebrale diretta, l’encefalopatia associata a sepsi, la demielinizzazione post-infettiva e la sindrome da encefalopatia posteriore reversibile (PRES).

L’encefalopatia necrotizzante acuta è stata riportata in 8 pazienti con COVID-19. Viene provocata probabilmente dalla tempesta di citochine che è stata descritta con SARS-CoV-2. L’intensa ondata di citochine pro-infiammatorie provoca infatti un danno focale alla barriera ematoencefalica e induce edema e conseguente necrosi. L’encefalite a seguito di COVID-19 è stata segnalata in 22 pazienti su 13 studi.

Recentemente, SARS-CoV-2 è stato rilevato nei tessuti cerebrali e nelle cellule endoteliali capillari all’autopsia ed è stata confermata l’infezione virale del SNC. Sono state suggerite due diverse potenziali vie di ingresso del virus. Il primo percorso possibile è attraverso le terminazioni nervose del nervo  trigemino e del nervo olfattivo. Il secondo possibile meccanismo di invasione virale può essere una maggiore permeabilità della barriera emato-encefalica ​​a causa degli alti livelli di citochine pro-infiammatorie nel liquor.

48 pazienti su 20 studi hanno riportato convulsioni. È noto che le infezioni virali del SNC e la successiva attivazione di vie neuroinfiammatorie abbassano la soglia per lo sviluppo di convulsioni e facilitano l’epilettogenesi in alcuni individui. Tralaltro, l’accumulo di marker infiammatori associati all’infezione da SARS-CoV-2, può causare un’irritazione corticale locale che provoca l’insorgenza di convulsioni. I pazienti con COVID-19 in condizioni critiche possono presentare squilibri metabolici/elettrolitici e ipossia che contribuiscono allo sviluppo di convulsioni o comunque ad un EEG anormale.

In un recente studio effettuato da Galanopoulou AS et al. sui risultati dell’elettroencefalografia (EEG) di pazienti COVID-19 si è visto che era presente attività epilettiforme sporadica nel 40,9%, prevalentemente sotto forma di onde acute frontali.

Anomalie dei nervi cranici

La prevalenza di anosmia e ageusia varia ampiamente in diversi studi dal 5% in uno studio cinese a circa l’88% in uno studio italiano. La compromissione dell’olfatto è stata segnalata anche nelle infezioni da SARS-CoV-1 e influenzali. Anosmia è stata segnalata in 3730 pazienti su 28 studi nel caso di SARS-CoV-2.  Nel COVID-19 l’anosmia non è accompagnata da rinite e sulla base dei risultati di diversi studi potrebbe essere la presentazione clinica più precoce in assenza di altri sintomi respiratori. Diversi studi hanno riportato che l’anosmia è più comune tra le donne, tra i pazienti più giovani e tra i non ospedalizzati. Nella maggior parte dei pazienti l’anosmia scompare da sola entro 3 settimane.

Molti studi hanno evidenziato che alla risonanza magnetica si riscontrano anomalie del bulbo olfattivo di pazienti COVID-19. Si può osservare infatti un sottile segnale di iperintensità nei bulbi olfattivi e anche di iperintensità corticale nel lobo frontale destro. Nel follow/up alla risonanza magnetica dopo 28 giorni i bulbi olfattivi si mostrano più sottili e leggermente meno iperintensi e l’alterazione del segnale nella corteccia scompare completamente.

Vari studi hanno suggerito che SARS-CoV2 può invadere direttamente il SNC tramite il bulbo olfattivo.

 

Sintomi associati al sistema nervoso periferico (PNS)

Anomalie dei nervi cranici

È stato descritto un movimento oculare alterato associato a COVID-19 in 12 pazienti su 4 studi. Invece la neuropatia trigeminale è stata segnalata in 9 pazienti su 2 studi.

Sindrome di Guillain-Barré (GBS)

La Sindrome di Guillain-Barré è una polineuropatia infiammatoria acuta, in genere rapidamente progressiva ma autolimitante caratterizzata da debolezza muscolare e lieve perdita della sensibilità distale. La causa sembra essere di tipo autoimmune e può svilupparsi dopo una malattia gastrointestinale o respiratoria. Il meccanismo suggerito è il mimetismo molecolare. L’agente patogeno probabilmente condivide epitopi simili ai componenti dei nervi periferici. Gli anticorpi prodotti dal sistema immunitario dell’ospite per combattere il virus reagiscono in modo crociato e si legano ai nervi periferici causando disfunzioni neuronali. 52 pazienti con COVID-19 in 36 studi hanno sviluppato la Sindrome di Guillain-Barré in diverse varianti.

In diversi casi è stata segnalata anche la sindrome di Miller Fisher che interessa i nervi cranici ed è una variante rara della sindrome di Guillain-Barré. Si manifesta con la triade clinica: atassia durante la deambulazione, areflessia e oftalmoplegia.

Inoltre nei pazienti COVID-19 sono stati segnalati danni ai muscoli scheletrici e miopatia. Quest’ultimi si sviluppano maggiormente nei pazienti con grave distress respiratorio, risposta infiammatoria sistemica e sepsi. Come il virus SARS-CoV-1 anche SARS-CoV-2 ha la capacità di penetrare nelle cellule che esprimono i recettori ACE2 che è espresso anche nelle cellule muscolari. Sfrutta pertanto tale recettore per entrare in queste cellule. Inoltre, l’iperinfiammazione e le tempeste di citochine nella fase avanzata di COVID-19 potrebbero causare danni muscolari immuno-mediati. La miopatia può essere considerata una delle principali cause di disabilità fisica a lungo termine nei pazienti guariti dal COVID-19.

 

Somiglianze tra le manifestazioni neurologiche delle infezioni da CoV (SARS-CoV-1, MERS-CoV e SARS-CoV-2)

Esistono molte somiglianze tra le manifestazioni neurologiche di diverse infezioni da CoV. Per esempio l’encefalite è stata segnalata nelle infezioni da HCoV-OC43, SARS-CoV-1, MERS-CoV e SARS-CoV-2. Cefalea, ictus ischemico, encefalite ed encefalopatia, convulsioni e neuropatia sono stati segnalati in tutte le pandemie associate a CoV (SARS-CoV-1, MERS-CoV e SARS-CoV-2). L’emorragia intracranica è stata riportata in MERS-CoV e COVID-19. La miopatia e l’anosmia sono state riportate in SARS-CoV-1 e COVID-19.

Sicuramente conoscere le possibili complicazioni neurologiche che possono svilupparsi dopo e durante COVID-19 può aiutare a porne diagnosi più tempestiva e quindi a gestirle meglio e più efficacemente.

Fonti:

  • J Neurol Sci. 2020 Oct 15; 417: 117085. doi: 10.1016/j.jns.2020.117085. “Neurological complications of coronavirus infection; a comparative review and lessons learned during the COVID-19 pandemic”. Maryam Sharifian-Dorche, Philippe Huot, Michael Osherov, Dingke Wen, Alexander Saveriano, Paul S Giacomini, Jack P Antel, and Ashkan Mowlad.
  • Umapathi T., Kor A.C., Venketasubramanian N., Lim C.C., Pang B.C., Yeo T.T. Large artery ischemic stroke in severe acute respiratory syndrome (SARS) J Neurol. 2004 Oct;251(10):1227–1231.
  • Bolay H., Gül A., Baykan B. COVID-19 is a Real Headache! Headache. 2020 May 15 doi: 10.1111/head.13856. PMID: 32412101.
  • Mao L., Jin H., Wang M., Hu Y., Chen S., He Q. Neurologic Manifestations of Hospitalized Patients With Coronavirus Disease 2019 in Wuhan, China. JAMA Neurol. 2020 Apr 10;77(6):1–9. e201127.
  • Chen N., Zhou M., Dong X., Qu J., Gong F., Han Y. Epidemiological and clinical characteristics of 99 cases of 2019 novel coronavirus pneumonia in Wuhan, China: a descriptive study. Lancet. 2020;395:507–513.
  • Wang D., Hu B., Hu C. Clinical characteristics of 138 hospitalized patients with 2019 novel coronavirus–infected pneumonia in Wuhan, China. Jama. 2020 Mar 17;323(11):1061–1069.
  • Deng Y., Liu W., Liu K., Fang Y., Shang J., Zhou L. Clinical Characteristics of Fatal and Recovered Cases of Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) in Wuhan, China: A Retrospective Study. Chin Med J (Engl) 2020 Jun 5;133(11):1261–1267.
  • Sun L., Shen L., Fan J., Gu F., Hu M., An Y. Clinical Features of Patients with Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) from a Designated Hospital in Beijing, China. J Med Virol. 2020 May 5:1–12. doi: 10.1002/jmv.25966.
  • Cummings M.J., Baldwin M.R., Abrams D., Jacobson S.D., Meyer B.J., Balough E.M. Epidemiology, clinical course, and outcomes of critically ill adults with COVID-19 in New York City: a prospective cohort study. Lancet. 2020 Jun 6;395(10239):1763–1770. S0140-6736(20)31189-2.
  • Lechien J.R., Chiesa-Estomba C.M., Place S., Van Laethem Y., Cabaraux P., Mat Q. Clinical and Epidemiological Characteristics of 1,420 European Patients with mild-to-moderate Coronavirus Disease 2019. J Intern Med. 2020 Apr 30 doi: 10.1111/joim.13089.
  • Karadaş Ö., Öztürk B., Sonkaya A.R. A prospective clinical study of detailed neurological manifestations in patients with COVID-19. Neurol Sci. 2020 Jun;25:1–5.
  • Pinna P., Grewal P., Hall J.P., Tavarez T., Dafer R.M., Garg R. Neurological manifestations and COVID-19: Experiences from a tertiary care center at the Frontline. J Neurol Sci. 2020 Jun 3;415
  • Singh J., Ali A. Headache as the Presenting Symptom in 2 Patients with COVID-19 and a History of Migraine: 2 Case Reports. Headache. 2020 Jun 10:10.
  • Romero-Sánchez C.M., Díaz-Maroto I., Fernández-Díaz E., Sánchez-Larsen Á., Layos-Romero A., García-García J. Neurologic Manifestations in Hospitalized Patients With COVID-19: The ALBACOVID Registry. Neurology. 2020 Jun 1 doi: 10.1212/WNL.0000000000009937.
  • Hornuss D., Lange B., Schröter N., Rieg S., Kern W.V., Wagner D. Anosmia in COVID-19 patients. Clin Microbiol Infect. 2020 May 22 doi: 10.1016/j.cmi.2020.05.017. S1198-743X(20)30294-9.
  • Liguori C., Pierantozzi M., Spanetta M., Sarmati L., Cesta N., Iannetta M. Subjective neurological symptoms frequently occur in patients with SARS-CoV2 infection. Brain Behav Immun. 2020 Aug;88:11–16. doi: 10.1016/j.bbi.2020.05.037. S0889-1591(20)30876-X.
  • Pons-Escoda A., Naval-Baudín P., Majós C., Camins A., Cardona P., Cos M. Neurologic Involvement in COVID-19: Cause or Coincidence? A Neuroimaging Perspective. AJNR Am J Neuroradiol. 2020 Jun 11 doi: 10.3174/ajnr.A6627.
  • Vacchiano V., Riguzzi P., Volpi L., Tappatà M., Avoni P., Rizzo G. Early neurological manifestations of hospitalized COVID-19 patients. Neurol Sci. 2020 Jul 2:1–3.
  • Kong Z., Wang J., Li T., Zhang Z., Jian J. 2019 novel coronavirus pneumonia with onset of dizziness: a case report. Ann Transl Med. 2020 Apr;8(7):506.
  • Avula A., Nalleballe K., Narula N., Sapozhnikov S., Dandu V., Toom S. COVID-19 presenting as stroke. Brain Behav Immun. 2020 Jul;87:115–119. S0889-1591(20)30685-1.
  • Beyrouti R., Adams M.E., Benjamin L., Cohen H., Farmer S.F., Goh Y.Y. Characteristics of ischemic stroke associated with COVID-19. J Neurol Neurosurg Psychiatry. 2020 Aug;91(8):889–891. jnnp-2020-323586.
  • Benussi A., Pilotto A., Premi E., Libri I., Giunta M., Agosti C. Clinical characteristics and outcomes of inpatients with neurologic disease and COVID-19 in Brescia, Lombardy, Italy. Neurology. 2020 May 22 doi: 10.1212/WNL.0000000000009848.
  • Deliwala S., Abdulhamid S., Abusalih M.F., Al-Qasmi M.M., Bachuwa G. Encephalopathy as the Sentinel Sign of a Cortical Stroke in a Patient Infected With Coronavirus Disease-19 (COVID-19) Cureus. 2020 May 14;12(5).
  • Morassi M., Bagatto D., Cobelli M., D’Agostini S., Gigli G.L., Bnà C. Stroke in patients with SARS-CoV-2 infection: case series. J Neurol. 2020 Aug;267(8):2185–2192. doi: 10.1007/s00415-020-09885-2.
  • Lodigiani C., Lapichino G., Carenzo L., Cecconi M., Ferrazzi P., Sebastian T. Venous and arterial thromboembolic complications in COVID-19 patients admitted to an academic hospital in Milan, Italy. Thromb Res. 2020;191:9–14.
  • Immovilli P., Terracciano C., Zaino D., Marchesi E., Morelli N., Terlizzi E. Stroke in COVID-19 patients-A case series from Italy. Int J Stroke. 2020 Aug;15(6):701–702. doi: 10.1177/1747493020938294. 1747493020938294.
  • Cavallieri F., Marti A., Fasano A., Salda A.D., Ghirarduzzi A., Moratti C. Prothrombotic state induced by COVID-19 infection as trigger for stroke in young patients: A dangerous association. eNeurologicalSci. 2020 Jun 6;20.
  • Franceschi A.M., Arora R., Wilson R., Giliberto L., Libman R.B., Castillo M. Neurovascular Complications in COVID-19 Infection: Case Series. AJNR Am J Neuroradiol. 2020 Jun 11 doi: 10.3174/ajnr.A6655.
  • Mahammedi A., Saba L., Vagal A., Leali M., Rossi A., Gaskill M. Imaging in Neurological Disease of Hospitalized COVID-19 Patients: An Italian Multicenter Retrospective Observational Study. Radiology. 2020 May 21 doi: 10.1148/radiol.2020201933.
  • Malentacchi M., Gned D., Angelino V., Demichelis S., Perboni A., Veltri A. Concomitant Brain Arterial and Venous Thrombosis in a COVID-19 Patient. Eur J Neurol. 2020 Jun 5 doi: 10.1111/ene.14380.
  • Ranucci M., Ballotta A., Di Dedda U., Bayshnikova E., Dei Poli M., Resta M. The procoagulant pattern of patients with COVID-19 acute respiratory distress syndrome. J Thromb Haemost. 2020 Jul;18(7):1747–1751. doi: 10.1111/jth.14854.
  • Kochi A.N., Tagliari A.P., Forleo G.B., Fassini G.M., Tondo C. Cardiac and arrhythmic complications in patients with COVID-19. Journal of Cardiovascular Electrophysiology. 2020;31(5):1003–1008.
  • Chougar L., Mathon B., Weiss N., Degos V., Shor N. Atypical Deep Cerebral Vein Thrombosis with Hemorrhagic Venous Infarction in a Patient Positive for COVID-19. AJNR Am J Neuroradiol. 2020 Jun 18 doi: 10.3174/ajnr.A6642.
  • Zachariadis A., Tulbu A., Strambo D., Dumoulin A., Di Virgilio G. Transverse myelitis related to COVID-19 infection. J Neurol. 2020 Jun 29:1–3. doi: 10.1007/s00415-020-09997-9.
  • Chen T., Wu D., Chen H. Clinical characteristics of 113 deceased patients with coronavirus disease 2019: retrospective study. BMJ. 2020;368.
  • Filatov A., Sharma P., Hindi F., Espinosa P.S. Neurological Complications of Coronavirus Disease (COVID-19): Encephalopathy. Cureus. 2020 Mar 21;12(3).
  • Lu L., Xiong W., Liu D., Liu J., Yang D., Li N. New onset acute symptomatic seizure and risk factors in coronavirus disease 2019: A retrospective multicenter study. Epilepsia. 2020 Jun;61(6):e49–e53. doi: 10.1111/epi.16524.
  • Radmanesh A., Derman A., Lui Y.W., Raz E., Loh J.P., Hagiwara M. COVID-19 -associated Diffuse Leukoencephalopathy and Microhemorrhages. Radiology. 2020 May 21 doi: 10.1148/radiol.2020202040.
  • Virhammar J., Kumlien E., Fällmar D., Frithiof R., Jackmann S., Sköld M.K. Acute necrotizing encephalopathy with SARS-CoV-2 RNA confirmed in cerebrospinal fluid. Neurology. 2020 Jun 25 doi: 10.1212/WNL.0000000000010250.
  • Pilotto A., Odolini S., Stefano Masciocchi S., Comelli A., Volonghi I. Steroid-responsive encephalitis in Covid-19 disease. Ann Neurol. 2020 May 17 doi: 10.1002/ana.25783.
  • Franceschi A.M., Ahmed O., Giliberto L., Castillo M. Hemorrhagic Posterior Reversible Encephalopathy Syndrome as a Manifestation of COVID-19 Infection. AJNR Am J Neuroradiol. 2020 Jul;41(7):1173–1176. doi: 10.3174/ajnr.A6595.
  • Princiotta Cariddi L., Tabaee Damavandi P., Carimati F., Banfi P., Clemenzi A., Marelli M. Reversible Encephalopathy Syndrome (PRES) in a COVID-19 Patient. J Neurol. 2020 Jun 24:1–4.
  • Somani S., Pati S., Gaston T., Chitlangia A., Agnihotri S. De Novo Status Epilepticus in patients with COVID-19. Ann Clin Transl Neurol. 2020 Jul;7(7):1240–1244. doi: 10.1002/acn3.51071.
  • De Stefano P., Nencha U., De Stefano L., Mégevand P., Seeck M. Focal EEG changes indicating critical illness associated cerebral microbleeds in a Covid-19 patient. Version 2. Clin Neurophysiol Pract. 2020 Jun 10;5:125–129.
  • Karimi N., Sharifi Razavi A., Rouhani N. Frequent convulsive seizures in an adult patient with COVID-19: a case report. Iran Red Crescent Med J. 2020;22(3).
  • Vollono C., Rollo E., Romozzi M., Frisullo G., Servidei S., Borghetti A. Focal Status Epilepticus as Unique Clinical Feature of COVID-19: A Case Report. Seizure. 2020 May;78:109–112.
  • Zanin L., Saraceno G., Panciani P.P., Renisi G., Signorini L., Migliorati K. SARS-CoV-2 can induce brain and spine demyelinating lesions. Acta Neurochir (Wien). 2020 Jul;162(7):1491–1494.
  • Coolen T., Lolli V., Sadeghi N., Rovaï A., Trotta N., Taccone F.S. Early postmortem brain MRI findings in COVID-19 non-survivors. Neurology. 2020 Jun 16 doi: 10.1212/WNL.
  • Lechien J.R., Chiesa-Estomba C.M., De Siati D.R., Horoi M., Le Bon S.D., Rodriguez A. Olfactory and gustatory dysfunctions as a clinical presentation of mild-to-moderate forms of the coronavirus disease (COVID-19): a multicenter European study. Eur Arch Otorhinolaryngol. 2020 Apr;6:1–11.
  • Beltrán-Corbellini Á., Chico-García J.L., Martínez-Poles J., Rodríguez-Jorge F., Natera-Villalba E., Gómez-Corral J. Acute-onset smell and taste disorders in the context of COVID-19: a pilot multicentre polymerase chain reaction based case-control study. Eur J Neurol. 2020 Apr 22 doi: 10.1111/ene.14273.
  • Mermelstein S. Acute anosmia from COVID-19 infection. Pract Neurol. 2020 Aug;20(4):343–344. doi: 10.1136/practneurol-2020-002583.
  • Politi S.L., Salsano E., Grimaldi M. Magnetic Resonance Imaging Alteration of the Brain in a Patient With Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) and Anosmia. JAMA Neurol. 2020 May 29 doi: 10.1001/jamaneurol.2020.2125.
  • Vaira L.A., Salzano G., Deiana G., De Riu G. Anosmia and ageusia: common findings in COVID-19 patients. Laryngoscope. 2020 Jul;130(7):1787. doi: 10.1002/lary.28692.
  • Zubair A.S., McAlpine L.S., Gardin T., Farhadian S., Kuruvilla D.E., Spudich S. Neuropathogenesis and Neurologic Manifestations of the Coronaviruses in the Age of Coronavirus Disease 2019: A Review. JAMA Neurol. 2020 May 29 doi: 10.1001/jamaneurol.2020.2065.
  • Madia F., Merico B., Primiano G., Cutuli S.L., De Pascale G., Servidei S. Acute myopathic quadriplegia in COVID-19 patients in the intensive care unit. Neurology. 2020 Jun 29:10.
  • Tankisi H., Tankisi A., Harbo T., Markvardsen L.K., Andersen H., Pedersen T.H. Critical illness myopathy as a consequence of Covid-19 infection. Clin Neurophysiol. 2020 Jun 12;131(8):1931–1932.

 

 

Articoli correlati:


Benvenuto su Doctorium. Uno SCONTO DEL 10% sul tuo primo videoconsulto con il codice BLOG10

× Servizio Clienti