CNAO trova un’intesa per la terapia contro il tumore- Doctorium
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Home / Blog / Il CNAO trova un’intesa per la terapia sperimentale contro il tumore

Il CNAO trova un’intesa per la terapia sperimentale contro il tumore

Grazie alla collaborazione tra il CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica di Pavia, l’Istituto nazionale di fisica nucleare, il Politecnico di Milano e l’Università di Pavia, è stato firmato un accordo avente l’obiettivo di sviluppare una terapia sperimentale che utilizzi i neutroni per colpire le cellule di tumori particolarmente aggressivi.

Lo sviluppo di una nuova terapia sperimentale contro i tumori

Negli scorsi giorni, è stato firmato un accordo importantissimo nella lotta contro i tumori. Il CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica di Pavia, insieme all’Istituto nazionale di fisica nucleare, al Politecnico di Milano e all’Università di Pavia, ha firmato un accordo di collaborazione della durata di 5 anni, che prevede lo studio di una nuova terapia sperimentale contro i tumori più aggressivi, che consiste nell’utilizzo di neutroni in grado di colpire le loro cellule.

Questa intesa si focalizza sull’avvio della sperimentazione pre-clinica e clinica della BNCT, la Boron Neutron Capture Therapy, una speciale terapia che rientra in un più ampio progetto di ampliamento del CNAO, grazie al quale, entro il 2024, il centro sarà l’unico al mondo in grado di sviluppare tecniche avanzate che si basano sull’utilizzo di più particelle.

Più nel dettaglio, questa intesa si basa su un acceleratore per la produzione di fasci di neutroni che verrà installato al CNAO nel 2024 e che verrà utilizzato per sviluppare la Boron Neutron Capture Therapy, una terapia che prevede la veicolazione all’interno delle cellule tumorali di un farmaco contenente il Boro-10, un atomo di un particolare elemento chimico, per poi procedere con l’irradiazione delle cellule tumorali con fasci di neutroni.

Secondo i ricercatori, grazie all’interazione tra il Boro-10 e i neutroni, è possibile distruggere selettivamente le cellule tumorali. In questo modo, la terapia sarebbe particolarmente efficace per combattere i tumori più complessi, non operabili e radio-resistenti, permettendo alla ricerca scientifica di fare un grandissimo passo avanti nella lotta contro il cancro.

Nota: Il contenuto del presente articolo non è inteso né raccomandato come sostituto di consigli, diagnosi o trattamenti medici. Pertanto è sempre necessario chiedere il parere di un medico in merito a qualsiasi domanda, condizione clinica, trattamento o argomento trattato nel presente documento. Doctorium non si assume nessuna responsabilità sull'utilizzo autonomo delle informazioni indicate.

Articoli correlati

Fai conoscere l'articolo ai tuoi amici

0 Condivisioni
Elemento aggiunto al carrello.
0 items -

Chiedi un video consulto.

doctorium_logo.png

Scrivi i tuoi dati e penseremo a tutto noi

× Servizio Clienti