Cerca uno specialista in Procreazione Assistita e prenota una video visita per infertilità di coppia

La PMA – Procreazione Medicalmente Assistita include tutte le metodiche impiegate per aiutare le persone a procreare, siano esse chirurgiche, ormonali, farmacologiche o di altro tipo. Le figure professionali che si occupano di Procreazione Assistita sono diverse: il ginecologo, l’embriologo e il genetista; ma anche l’ematologo e l’urologo fanno parte dell’equipe medica coinvolta nei trattamenti per PMA.

 

Se tu e il tuo partner state cercando una gravidanza da più di un anno senza ottenere risultati, potete chiedere un consulto online a uno specialista in Procreazione Assistita e ottenere subito un parere medico.

 

Su Doctorum.it puoi confrontarti con un’equipe di specialisti in Procreazione Assistita e prenotare comodamente una video consulenza genetica o per diagnosi prenatale, ovunque ti trovi.

 

Parlare online con uno specialista in infertilità di coppia è semplicissimo: registrati sulla piattaforma, cerca un esperto in PMA  tra i nostri specialisti, scegli la data o richiedi un consulto prioritario, e ottieni subito un appuntamento per una prima visita, in maniera comoda e sicura.

Trova un specialista in PMA e infertilità tra i nostri dottori

Ecco alcuni dei medici specializzati in Procreazione Medicalmente Assistita a cui puoi chiedere un video consulto su Doctorium.it.

Dott.ssa Annalisa Fregola

Annalisa Fregola 185x241
Curriculum

E’ un Biotecnologo Medico, Specialista in Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica.

 

 

 

Perfezionata in fisiopatologia della riproduzione umana.

 

 

 

E’  Responsabile del laboratorio del Centro di PMA di I livello “UroGyn Biotech” a Catanzaro.

 

 

 

Ha conseguito il Master di II livello in Andrologia e Seminologia presso l’Università “La Sapienza” di Roma presentando un lavoro sul ruolo dell’HPV nella fertilità di coppia.

 

 

 

E’ esperta in semiologia.

 

 

 

Iscritta alla società scientifica SIAMS.

 

 

 

Il Laboratorio da Lei diretto è uno dei pochi in Italia ad aver ottenuto il prestigioso riconoscimento scientifico venendo accreditato come laboratorio SIAMS

Consulenza online di 30 minuti • 45 €

Dott. Massimo Bitonti

Massimo Bitonti 185x241
Curriculum
Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

Consulenza online di 30 minuti • 45 €

Dott.ssa Erika Rania

Erika Rania 185x241
Curriculum

Consulenza online di 30 minuti • 45 €

In cosa consiste la visita per l’infertilità di coppia

La prima visita presso il centro di infertilità di coppia sulla piattaforma Doctorium prevede la partecipazione di più figure professionali.

 

Lo specialista ginecologo svolge un ruolo di primo piano nel percorso di PMA. Le coppie che non riescono ad avere un bambino dopo almeno un anno di tentativi devono sottoporsi a visita ginecologica per infertilità. Il ginecologo ha il compito di formulare la corretta diagnosi di infertilità.

 

Per prima cosa raccoglie accuratamente l’anamnesi, la storia familiare e clinica. Prende visione di esami strumentali e di laboratorio precedentemente effettuati, se lo ritiene opportuno ne prescrive altri. Effettua la visita per l’infertilità femminile attraverso l’ecografia transvaginale e altri esami al fine di comprendere meglio le problematiche che ha la donna nella procreazione.

 

A questo punto individua il percorso da seguire. Spiega accuratamente la tecnica che si può tentare di praticare, quali sono i rischi e quali le aspettative e si decide insieme alla coppia il da farsi.

 

Importante è anche il ruolo dell’embriologo. Si tratta di un biologo o un biotecnologo che svolge un ruolo chiave nel percorso della Procreazione Assistita. È la figura professionale che lavora all’interno del laboratorio e che si prende cura dei gameti maschili e femminili e non da ultimo degli embrioni che si formano dall’unione dei suddetti.

 

Anche il medico specialista andrologo e urologo svolgono mansioni importanti nell’approfondire lo stato di salute del partner maschile, attraverso la prescrizione di esami di approfondimento del sangue, del liquido seminale ed eventualmente di esami più specifici come ecografie testicolari, studi citogenetici, biopsie testicolari, ecodoppler del distretto venoso genitale. Il tutto avviene durante la visita andrologica per l’infertilità.

Lo specialista risponde online alle tue domande sulla Procreazione Medicalmente Assistita

Ecco alcune delle domande più frequenti poste dai nostri utenti sulla Procreazione Medicalmente Assistita.

Come funziona la Procreazione Medicalmente Assistita?

Esistono diverse tecniche di PMA – Procreazione Medicalmente Assistita suddivise in 3 livelli.

 

Primo livello 

Ossia l’IUI – inseminazione intra-uterina. Si consiglia alle coppie in cui la donna ha problemi di ovulazione e lo sperma presenta solo lievi problemi di motilità e concentrazione. Non si consiglia alle pazienti con endometriosi o a pazienti con età maggiore ai 35 anni, oppure se vi è grave infertilità maschile. Questa tecnica favorisce l’incontro diretto del gamete maschile e di quello femminile tramite l’inserimento del seme nella parte alta della cavità uterina, superando così le barriere naturali. In genere, una coppia va incontro dai quattro ai sei cicli di IUI prima di considerare una terapia alternativa.

 

Secondo livello

Vengono eseguite in anestesia locale e/o sedazione profonda. L’incontro del gamete maschile e di quello femminile avviene in vitro, ossia al di fuori del corpo femminile. Poi si trasferisce l’embrione creato in vitro nell’utero. Le tecniche principali della fecondazione in vitro sono: FIVET (fecondazione in vitro ed embryo transfer); ICSI (iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo); FIVET e ICSI presentano gli stessi primi step: entrambe le tecniche infatti prevedono una stimolazione ovarica, seguita dal pick-up ovocitario di breve durata durante il quale la donna è posta sotto sedazione.

 

Poi nella FIVET, gli ovociti vengono messi a contatto con gli spermatozoi su una piastra di coltura. Una volta fertilizzati, gli embrioni vengono monitorati, poi solo gli embrioni qualitativamente migliori vengono trasferiti nell’utero.

 

Nell’ICSI uno spermatozoo, dopo esser stato selezionato viene iniettato direttamente nel citoplasma dell’ovocita utilizzando uno strumento chiamato micromanipolatore. Una volta avvenuta la fecondazione, gli embrioni vengono monitorati e poi successivamente quelli migliori saranno trasferiti nell’utero della donna.

 

Terzo livello

Indicato per i pazienti che presentano un quadro ginecologico e/o andrologico più complicato. Include: GIFT (gamete intrafallopian transfer, trasferimento di ovociti e spermatozoi nelle tube); ZIFT (zigote intrafallopian transfer, trasferimento nelle tube degli zigoti); PROST (pronuclear stage transfer, trasferimento di embrioni allo stadio di due pronuclei); TET (tubal embryo transfer, trasferimento in tuba degli embrioni).

Quali sono i rischi della Procreazione Medicalmente Assistita?

Ogni livello di trattamento per PMA espone la coppia a rischi di diversa importanza. Durante la consulenza online con gli specialisti in procreazione assistita la coppia può porre domande sui trattamenti e i rischi annessi e ricevere informazioni dettagliate da parte degli esperti.

In famiglia c’è un caso di malattia genetica. Posso avere un bambino?

La consulenza genetica e la diagnosi prenatale sono vivamente consigliati a chi sia portatore di una malattia genetica o a chi sia a conoscenza di una malattia ereditaria presente in famiglia. In questi casi, il medico genetista indaga se in una coppia vi è la possibilità di trasmettere una malattia genetica alla prole. Il genetista viene chiamato ad intervenire se nella coppia vi sono patologie note di uno dei componenti della coppia, di entrambi o dei familiari, o in caso sia necessario effettuare una diagnosi pre-impianto degli embrioni da trasferire in utero.

× Servizio Clienti