L’utilità degli immunostimolanti: cosa sono, a cosa servono - Doctorium
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Home / Blog / L’utilità degli immunostimolanti: cosa sono, a cosa servono

L’utilità degli immunostimolanti: cosa sono, a cosa servono

Gli immunostimolanti sono dei farmaci che hanno la capacità di stimolare l’azione del sistema immunitario nella difesa contro infezioni batteriche, virali e anche contro l’insorgenza di tumori.

Nel nostro articolo vedremo di cosa si tratta nello specifico e come esercitano la loro azione.

Parla con un nostro specialista
Specialista in: Malattie Infettive - 32 anni di esperienza - 30 min. 60.00 € 

 Cos’è il sistema immunitario

Il sistema immunitario serve per proteggerci dagli agenti infettivi come i batteri, i virus e i parassiti. Inoltre riconosce le cellule che si sono trasformate in cellule tumorali e provvede a distruggerle. Si tratta di una rete molto molto complessa di tessuti, organi, cellule altamente specializzate e prodotti che esse rilasciano.  È quindi il nostro scudo alle aggressioni di patogeni.

Piante ed integratori

Tra le sostanze ad azione immunostimolante abbiamo piante e integratori. Si usano principalmente nei mesi autunnali in vista dell’inverno allo scopo di prevenire l’influenza, il raffreddore e tutte le infezioni che si sviluppano più frequentemente nel periodo invernale. Non si tratta di veri e propri farmaci ma di fitoterapici che stimolano e vanno a potenziare le difese naturali dell’organismo. Tra questi possiamo ricordare:

Echinacea. Molto utile nella prevenzione di infezioni urinarie e dell’apparato respiratorio. Viene impiegata anche per potenziare l’azione degli antibiotici e dell’antinfiammatori quando l’infezione si è già contratta andando a stimolare il sistema immunitario.

Ganoderma lucidum. Molto conosciuto nella medicina cinese. Anch’esso ha la capacità di modulare il sistema immunitario aumentando l’attività dei linfociti T e B.

Andrographis. Diversi studi hanno dimostrato la sua efficacia contro i sintomi del raffreddore, faringite ed influenza.

Uncaria. Molto efficace contro raffreddore e influenza.

Astragalo. Stimola i linfociti nella produzione delle citochine.

Farmaci immunostimolanti e immunomodulanti

Questi farmaci sono impiegati nel migliorare la risposta immunitaria contro le cellule tumorali e contro patogeni responsabili di infezioni. Tra questi abbiamo:

Citochine. Vengono prodotte dai globuli bianchi. Distinguiamo tra interferoni (INF) e interleuchine (IL). Perfezionano la risposta del sistema immunitario contro l’infiammazione e contro cellule tumorali.

Agenti microbici. Tra questi abbiamo il Bacillus Calmette-Guerin.

Pidotimod. È una dipeptide timico sintetico che stimola le difese immunitarie non contro patogeni specifici ma lo fa ad ampio spettro. Diversi studi hanno inoltre dimostrato che è efficace anche nel trattamento delle allergie, in particolare la rinite allergica, la dermatite atopica, l’orticaria e l’asma allergico.

Stimola infatti l’immunità innata e quella adattativa e migliora l’attività del sistema immunitario che spesso è compromesso in chi soffre di allergie. Sovraregola l’espressione del recettore toll-like (TRL), stimola l’espressione di ICAM-1 che sarebbe una molecola di adesione intercellulare. Vaccini batterici. Erroneamente vengono chiamati vaccini, ma in realtà sono delle medicine che allenano il sistema immunitario a prevenire le infezioni. Si tratta, infatti, di lisati batterici impiegati nella prevenzione delle infezioni delle vie respiratorie ricorrenti.

Tra quest’ultime ricordiamo: la rinite, la faringite, la bronchite, la polmonite ecc. che si ripetono diverse volte nell’arco dell’anno. I principali responsabili di queste patologie sono i virus influenzali e parainfluenzali, Adenovirus, Rhinovirus, ma anche batteri come la Chlamydia Pneumoniae, Streptococcus Pneumoniae e Pyogenes, Haemofilus Influenziae ecc.

Diversi studi hanno dimostrato che i lisati batterici riducono il numero e l’intensità di episodi infettivi delle vie aeree, agiscono attivando sia la risposta immunitaria cellulare che quella umorale.

Parla con un nostro specialista
Specialista in: Malattie Infettive - 34 anni di esperienza - 30 min. 55.00 € 

Aumentano i livelli di IgA nelle mucose, incrementano il numero dei fagociti e stimolano la produzione di INF. Inoltre promuovono la produzione di anticorpi specifici contro gli agenti batterici che costituiscono il preparato. Se si assumono questi medicinali è importante evitare l’assunzione concomitante di un altro immunostimolante. Non può essere assunto in gravidanza e in allattamento. Si trovano in commercio sotto forma di compresse, capsule, compresse sublinguali oppure granulati.

Fonti
  • De Benedetto F, Sevieri G. Prevention of respiratory tract infections with bacterial lysate OM-85 bronchomunal in children and adults: a state of the art. Multidiscip Respir Med. 2013 May 22.
  • Braido F, Tarantini F, Ghiglione V, et al. Bacterial lysate in the prevention of acute exacerbation of COPD and in respiratory recurrent infections. Int J Chron Obstruct Pulmon Dis 2007.
  • Charakterystyka Produktu Leczniczego: Broncho-Vaxom, 3,5 mg, kapsułki, twarde; 2015.
  • Charakterystyka Produktu Leczniczego: Ribomunyl, granulat do sporządzania roztworu doustnego, 2006.
  • Monografia Luivac. Wyd. Biuro Naukowe Sankyo Pharma, Warszawa 2012
  • Działo J., Niedźwiedzka-Rystwej P., Mękal A. i wsp.: Charakterystyka tkanki limfatycznej błon śluzowych przewodu pokarmowego i układu oddechowego. Alergia Astma Immunologia 2010.
  • Acute respiratory infections: the forgotten pandemic. Bull World Health Organ. 1998;39:101–103. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9615503. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • Griffin MR, Walker FJ, Iwane MK, Weinberg GA, Staat MA, Erdman DD. New Vaccine Surveillance Network Study Group. Epidemiology of respiratory infections in young children: insights from the new vaccine surveillance network. Pediatr Infect Dis J. 2004;39:188i: 10.1097/01.inf.0000144660.53024.64. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • Karevold G, Kvestad E, Nafstad P, Kvaerner KJ. Respiratory infections in schoolchildren: co-morbidity and risk factors. Arch Dis Child. 2006;39:391–395. doi: 10.1136/adc.2005.083881. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • Forssel G, Hakansson A, Mansson NO. Risk factors for respiratory tract infections in children aged 2–5 years. Scand J Prim Health Care. 2001;39:122–125. doi: 10.1080/028134301750235376. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
Nota: Il contenuto del presente articolo non è inteso né raccomandato come sostituto di consigli, diagnosi o trattamenti medici. Pertanto è sempre necessario chiedere il parere di un medico in merito a qualsiasi domanda, condizione clinica, trattamento o argomento trattato nel presente documento. Doctorium non si assume nessuna responsabilità sull'utilizzo autonomo delle informazioni indicate.

Articoli correlati

Fai conoscere l'articolo ai tuoi amici

0 Condivisioni
Elemento aggiunto al carrello.
0 items -

Chiedi un video consulto.

doctorium_logo.png

Scrivi i tuoi dati e penseremo a tutto noi

× Servizio Clienti