Cristiana Guidi 185x241

Dott.ssa Cristiana Guidi, Geriatra

La Dottoressa Cristiana Guidi si è laureata nel 2011 presso l’Università di Roma Tor Vergata con una tesi in ambito cardiologico con votazione di 110/110 cum laude e si è specializzata nel 2018 in Medicina Interna con una tesi riguardante la prevenzione cardio-vascolare con voto 60/60 con lode.

 

Si è occupata da sempre, sia sul territorio che in ambito ospedaliero, della salute globale del paziente, della presa in carico del paziente fragile o complesso e della prevenzione delle malattie cardiovascolari ed oncologiche.

 

La Dottoressa Guidi si occupa della salute globale del paziente attuando strategie di cura multi-disciplinari.

Ambiti di attività

  • Medicina interna
  • Reumatologia
  • Endocrinologia
  • Prevenzione
  • Allergologia

Patologie trattate

Le risposte della Dott.ssa Cristina Guidi agli utenti

Quali sono i programmi di screening attivi nel nostro paese per la prevenzione oncologica?
Cristiana Guidi 100x100

Dott.ssa Cristiana Guidi

In Italia sono attivi programmi di screening gratuiti per tre tipi di tumore: cervice uterina, mammella e colon-retto, tramite PAP test, mammografia e ricerca del sangue occulto nelle feci. L’OMS tuttavia raccomanda amche l’esecuzione di una colonscopia in tutti dopo I 50 anni.

Nell’uomo inoltre è possibile richiedere il PSA per il trattamento precoce di un eventuale tumour della prostata.

In pazienti selezionati inoltre è possibile eseguire ulteriori studi mirati e seriati nel tempo.

E’ possibile prevenire i tumori con l'alimentazione?
Cristiana Guidi 100x100

Dott.ssa Cristiana Guidi

Uno stile di vita sano migliora e riduce globalmente sia il rischio oncologico che il rischio cardiovascolare, poiché riduce globalmente l’infiammazione ed i MKS infiammatori del nostro organismo.

 

E’ importante quindi:

1.Mantenersi magri e fisicamente attivi ogni giorno

2.Limitare il consumo di alimenti ad alta densità energetica ed evitare le bevande zuccherate.

3.Consumare più alimenti di origine vegetale.

4.Limitare il consumo di carne rossa ed evitare il consumo di carni lavorate e conservate.

 

Limitare il consumo di alimenti ricchi di sale.

Cosa posso fare per ridurre il rischio infarto ed ictus?
Cristiana Guidi 100x100

Dott.ssa Cristiana Guidi

La prevenzione deve sempre partire da un corretto stile di vita, seguendo una dieta mediterranea, svolgendo regolare attività fisica, eliminando il fumo.

Inoltre è importante che il medico possa riconoscere ulteriori fattori di rischio sulla base delle analisi del sangue e della storia familiare del paziente (profilo glico-lipidico e coagulativo) e tramite opportuni esami strumentali.

Ormai molti più adolescenti sono in sovrappeso/obesi, cosa posso fare?
Cristiana Guidi 100x100

Dott.ssa Cristiana Guidi

Si deve eseguire una valutazione multidisciplinare che tenga conto dello sviluppo dell’adolescente e proporre una terapia integrata fra dieta, attività fisica, terapia endocrinologica ed educazionale.

Ridurre l’obesità negli adolescenti migliora di molto la loro futura qualità di vita e riduce al minimo il rischio cardiovascolare ed oncologico.

Soffro di dolori cronici, senza una diagnosi, e non riesco a migliorare….cosa posso fare?
Cristiana Guidi 100x100

Dott.ssa Cristiana Guidi

Per tale tipo di disturbo, dopo aver escluso una patologia reumatologica/neurologica è importante proporre terapie integrate sia con farmaci sia con l’ausilio di macchinari e una rivalutazione globale dello stile di vita.

Articoli del Dott.ssa Guidi

Video del Dott.ssa Guidi

× Servizio Clienti